Sanremo 2021, la seconda serata. Emozione con Laura Pausini. Lo share più basso dal 2015

Prima classifica generale, in testa Ermal Meta, Aiello all'ultimo posto. Nuove Proposte, Davide Shorty e Wrongonyou in finale.

Foto di Ettore Ferrari SANREMO

Il Festival di Sanremo sconta ancora un calo di ascolti. La media del 42.1% di share per la seconda serata rappresenta il dato più basso dal 2015, quando il primo festival di Carlo Conti raccolse il 41.67% di share (ma in valori assoluti andò decisamente meglio, con 10 milioni 91 mila spettatori). Nel 2014 andò peggio, invece, al Fazio bis: la seconda serata raccolse in media 7 milioni 711 mila spettatori con il 33.95%. Sanremo perde spettatori anche rispetto alla serata del debutto che ha avuto una media di 8 milioni 363 mila spettatori con il 46.6%. L'anno scorso il primo festival targato Amadeus era riuscito nell'impresa di migliorare di oltre un punto di share gli ascolti della prima serata, passando al 52.2% al 53.3%.

Sanremo 2021 alla seconda serata. Questa la classifica generale, sulla base del voto della giuria demoscopica chiamata a esprimersi la prima e la seconda serata del Festival per i 26 Big in gara. 1) ERMAL META - Un milione di cose da dirti 2) ANNALISA - Dieci 3) IRAMA - La genesi del tuo colore 4) MALIKA AYANE - Ti piaci così 5) NOEMI - Glicine 6) FASMA - Parlami 7) FRANCESCA MICHIELIN e FEDEZ - Chiamami per nome 8) LO STATO SOCIALE - Combat Pop 9) WILLIE PEYOTE - Mai dire mai (la locura) 10) FRANCESCO RENGA - Quando trovo te 11) ARISA - Potevi fare di più 12) GAIA - Cuore Amaro 13) FULMINACCI - Santa Marinella 14) LA RAPPRESENTANTE DI LISTA - Amare 15) MANESKIN - Zitti e buoni 16) MAX GAZZE' - Il farmacista 17) COLAPESCE DIMARTINO - Musica leggerissima 18) COMA_COSE - Fiamme negli occhi 19) EXTRALISCIO con Davide Toffolo - Bianca Luce Nera 20) MADAME - Voce 21) GIO EVAN - Arnica 22) ORIETTA BERTI - Quando ti sei innamorato 23) RANDOM - Torno a te 24) BUGO - E invece sì 25) GHEMON - Momento perfetto 26) AIELLO - Ora

Fiorello, con una giacca con ali di piume nere stile Achille Lauro, parte dall'esterno del teatro per entrare in una platea affollata di palloncini colorati ad occupare le poltrone in platea all'Ariston. "Questa è la platea che piace a me", ha commentato il mattatore. 

"Mi rivolgo ai grandi: bisogna organizzare quanto prima una campagna vaccinale di quelle potenti, vogliamo vaccinarci tutti affinché questo incubo finisca". Il pretesto per l'appello di Fiorello dal palco dell'Ariston sono i giovani, che seguono numerosi il festival di Sanremo: "Molti di loro torneranno in Dad - dice lo showman - e so che non è facile, ma dobbiamo resistere, questi bei momenti della vostra età in qualche modo vi verranno restituiti e questo sarà solo un ricordo". Entrato in scena con un costume decorato da enormi piume nere ("E' lo zainetto di Achille Lauro quando andava all'asilo"), Fiorello ricorda che Amadeus "è lo swiffer delle polemiche", "è l'unico a suscitarne una anche se si fa il segno della croce. Con me invece se l'è presa il Pd per la battuta su Zingaretti e la D'Urso? Ma che vi ha fatto la D'Urso?". Draghi, invece, citato da Fiorello in una delle sue incursioni della prima serata, "ha mandato un messaggio: grazie, mi avete fatto abbassare lo spread, il mio gruppo preferito sono i Bundesbank", dice Fiore. 

Davide Shorty con il brano Regina e Wrongonyou con Lezioni di volo sono le ultime due Nuove Proposte a passare direttamente alla serata finale di venerdì. Sono stati eliminati i Dellai con Iosonoluca e Greta Zuccoli con Ogni cosa sa di te. A decidere il risultato è stata la combinazione di televoto (34%), giuria Demoscopica (33%), Sala Stampa (33%).

I BIG IN GARA LA SECONDA SERATA

La signora della serata è Elodie, la fisicità statuaria esaltata dal primo vestito di strass rossi dal profondo spacco laterale. Si concede un fuori programma perdendo un orecchino ("Sono un po' buffa"), poi si scatena con il nuovo corpo di ballo (una danzatrice era risultata positiva) e canta. 

Emozionata, la voce rotta e le lacrime trattenute a fatica, la salivazione azzerata e l'immancabile "lingua a cammello tipica di quando sono a Sanremo". Laura Pausini, fresca vincitrice del Golden Globe con Io sì (Seen) per la canzone originale 2020 brano portante del film Netflix La vita davanti a sé di Eduardo Ponti con Sophia Loren, arriva a Sanremo per festeggiare il nuovo riconoscimento internazionale. "Non ci si abitua mai ed è strano pensare di aver vinto un Golden Globe con una canzone tutta cantata in italiana", dice la popstar prima di intonare proprio Io sì, sul palco che la vide debuttare nel 1993 tra i Giovani. Laura Pausini, completo nero con cappa glitter argento, si è poi regalata un'improvvisazione con Amadeus e Fiorello sulle note di Rhythm of the Night e fa ballare anche l'orchestra.

Dopo l'emozione di Laura Pausini, il Festival di Sanremo spicca il volo sulle note di Ennio Morricone. L'omaggio al maestro è affidato al trombettista Nello Salza, che suona il tema de "Il buono, il brutto e il cattivo", al figlio Andrea Morricone che dirige l'orchestra in "Metti una sera a cena", alle voci del Volo, in un'anteprima del concerto evento, in programma a giugno, 'Il Volo tribute to Ennio Morricone'. "Sono contento che siate qua, anche se in un momento moto difficile - dice Amadeus, stringendosi idealmente a Ignazio Boschetto che ha appena perso il papà - in una serata dedicata alla grande musica italiana nel mondo".

"A me piace guardare i cantieri con le mani dietro la schiena... Perché anche a scavare gli scavi serve usare il sistema giusto, mica sempre si nasce già bravi, mica sempre chi scava ci ha gusto... Sai la vita, la vita a vent'anni è una giostra di luci accese, ma poi vedi anche dopo i sessanta ti regala sorprese". Fiorello fa la parodia di Vasco Rossi regalandosi un 'inedito' scritto dal rocker per lui, che si chiude sulle immagini di un'autobetoniera al lavoro in un cantiere. Titolo, 'Gli scavi sopra'.

"Chi mi ridarà la vita che ho perso in questi anni? Nessuno, non si può tornare indietro, ma si può rimediare, non si possono perdere altre gare senza avere colpe. La mia bimba mi vedrà in gara per qualificarmi, e poi alle Olimpiadi perché ho tanta determinazione a chiudere questo cerchio: ho vinto in tribunale, ma sono uno sportivo e vinco sul campo da gara": sul palco dell'Ariston Alex Schwazer racconta la sua determinazione a "essere di nuovo giudicato dalla giustizia sportiva alla luce dei nuovi fatti", dopo che il gip di Bolzano, a pochi mesi dai Giochi di Tokyo, ha archiviato le accuse penali per doping a suo carico, sostenendo che le imputazioni del 2016 si basavano su provette manipolate. Una riabilitazione che non cancella però la squalifica fino al 2024. "Dopo quattro anni e mezzo ho trovato un giudice coraggioso che voleva andare fino in fondo, voleva vederci chiaro e questa, nella sfortuna, è stata mia fortuna", spiega il marciatore altoatesino, ancora colpevole per la giustizia sportiva internazionale. A sostenerlo, in questi anni di battaglia, è stata la famiglia: "Ho una bimba di 4 anni, un bimbo che sta per compiere cinque mesi. La famiglia mi ha aiutato a dare il giusto peso alle cose, in mezzo a tanta amarezza".

Momento amarcord con alcuni grandi successi del festival cantati dagli interpreti originali, Gigliola Cinquetti (Non ho l'età, Dio come ti amo), Marcella Bella (Senza un briciolo di testa, Montagne verdi) e Fausto Leali (Io amo, Mi manchi).

"Come lavoratori dello spettacolo ti dobbiamo ringraziare per aver fatto il festival. Hai avuto coraggio". Gigi D'Alessio ospite sul palco dell'Ariston porta così la questione dei lavoratori dello spettacolo fermi da un anno a causa della pandemia.

"Godere è un obbligo, Dio benedica chi gode", dice Achille Lauro che - lunga treccia rossa, il fiore di seta rosa appuntato sul bavero - porta sul palco la sua Bam Bam Twist, con la rilettura in chiave ironica del ballo di Pulp Fiction di Quentin Tarantino e la complicità di Francesca Barra e Claudio Santamaria. E a fine esibizione la coppia si bacia sul palco.

"Domani torno e controllo che sia tutto a posto". Ibrahimovic si collega dallo stadio di San Siro, dopo la partita tra Milan e Udinese, con l'Ariston e chiede un applauso per Davide Astori, il giocatore morto esattamente tre anni fa. "Sono tre anni che Davide non è con noi, ma è sempre con noi".

Fiorello coinvolge nello show anche gli orchestrali, giocando in particolare con i musicisti al violoncello, sulle loro origini e sulla collocazione nei 'golfi' dell'orchestra in linea con le regole di distanziamento: "Sembra un pullmino: vi presento il 28 sbarrato della musica". Poi mostra la mascherina: "In platea la devo tenere, sul palco la posso togliere, perché il virus quando arriva al limite del palco dice: eh no, qui non agisco. E' il protocollo".

Sul palco anche Cristiana Girelli, capocannoniere della nazionale femminile di calcio e della Juventus.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA