Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Speciali ed eventi > Migranti:Bustreo(Oms),Italia simbolo ma fare più in vista G7

Migranti:Bustreo(Oms),Italia simbolo ma fare più in vista G7

Da Oms road map obiettivi salute donne e bambini entro 2030

06 maggio, 12:47

ROMA - L'Italia è un ''Paese simbolo di accoglienza ai migranti e ha giocato un ruolo chiave con la ratifica della Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne, ma bisogna fare di più alla luce del ruolo chiave che l'Italia giocherà nel 2017 nel contesto del G7". Lo ha dichiarato Flavia Bustreo, vice direttore generale Salute della Famiglia, delle Donne e dei Bambini dell'OMS, in riferimento al convegno 'Epidemiologia della salute della popolazione immigrata in Italia' organizzato dall'Istituto nazionale migrazioni e povertà (Inmp) e Istat.

''Nel mondo - ha ricordato Bustreo - ci sono quasi 60 milioni di persone in fuga forzata da guerre, violenze, crisi umanitarie ed emergenze naturali e la metà sono donne e bambini. Abbiamo il dovere di garantire alle fasce più vulnerabili della popolazione, donne di cui molte incinta, bambini e anziani, ovunque si trovino il pieno diritto alla salute. Oltre al trauma psicologico di dover abbandonare le proprie case e perdere i propri cari, queste persone corrono costantemente il rischio, nei loro lunghi viaggi, di subire violenze e di mettere a repentaglio la propria vita''. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), ''ha predisposto, con la nuova Strategia Globale, la road map che fissa gli obiettivi da raggiungere per la salute di donne e bambini entro il 2030 e prevenire - ha concluso - morti evitabili per far sì che nessuno sia escluso dalla vita sociale''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA