Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Speciali ed eventi > Vaccini, ecco le principali 'leggende metropolitane'

Vaccini, ecco le principali 'leggende metropolitane'

08 maggio, 19:55

ROMA - Dai legami con l'autismo alle teorie 'complottistiche' su Big Pharma sono molte le bufale e le leggende metropolitane sui vaccini diffuse dal web. Ecco le principali censite dal portale Vaccinarsi.org presentato oggi dalla Societa' Italiana di Igiene (Siti) con la relativa risposta degli esperti.
LE MALATTIE SONO INVENTATE DA BIG PHARMA Le malattie infettive sono vecchie come il mondo! Leggendo un qualsiasi testo di storia della medicina risulta evidente che le malattie infettive esistono da quando è esistito l’uomo. Basti pensare alla lebbra riscontrata nelle mummie egizie, alla tubercolosi ossea evidenziata in reperti archeologici, alle epidemie riscontrabili nei sacri testi antichi. Le malattie infettive in passato e purtroppo anche oggi in alcune parti del mondo sono state la prima causa di morte e di sofferenza per l’umanità. E questo secoli prima che venissero inventati e prodotti vaccini.
I VACCINI CAUSANO MIGLIAIA DI MALATTIE La maggior parte dei vaccini è costituito da particelle uccise o inattivate e quindi non si capisce come potrebbero indurre malattie infettive, per i vaccini vivi attenuati nella stragrande maggioranza dei casi non è possibile il contagio da soggetto e soggetto e comunque non è mai stata segnalata in maniera scientifica una epidemia infettiva da vaccino.
MEGLIO PRENDERE LA MALATTIA CHE VACCINARSI La vaccinazione è nata per garantire alla popolazione protezione verso alcune malattie infettive (immunità). La differenza tra la vaccinazione e l'infezione naturale sta nel rischio che si paga per ottenere questa immunità. Il prezzo pagato per la vaccinazione è l'inconveniente di diverse iniezioni e il rischio, più frequente, di un braccio dolorante e arrossato, malessere, febbricola. Il prezzo pagato per una singola infezione naturale è notevolmente superiore: si corre il rischio di paralisi per infezione da polio, di ritardo mentale per infezione naturale da Hib, di cirrosi epatica per infezione da virus dell'epatite B, di sordità per infezione da parotite, di polmonite per infezione da varicella. Il rischio che si corre contraendo l’infezione naturale è molto più alto del rischio legato alla vaccinazione.
I VACCINI NON CAUSANO AUTISMO, MALATTIE AUTOIMMUNI O SCLEROSI MULTIPLA Nel sito sono riportati tutti gli studi realizzati da istituzioni scientifiche come il Cdc che smentiscono queste associazioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA