Percorso:ANSA > Salute Bambini > Medicina > Bimba riacquista udito grazie a orecchio elettronico

Bimba riacquista udito grazie a orecchio elettronico

Intervento eseguito all'ospedale di Perugia

09 maggio, 16:14
Bimba riacquista udito grazie a orecchio elettronico Bimba riacquista udito grazie a orecchio elettronico

PERUGIA - Un "impianto cocleare bilaterale", in pratica un orecchio elettronico artificiale, ha permesso ad una bimba di un anno sorda dalla nascita di riacquistare l'udito, a Perugia. L'intervento chirurgico è stato eseguito nell'ospedale Santa Maria della Misericordia e dopo quattro giorni di ricovero la piccola paziente proprio questa mattina è stata dimessa ed è tornata a casa, a Viterbo.

"Abbiamo ricevuto il più grande regalo di compleanno - ha detto la mamma all'ufficio stampa dell'azienda ospedaliera di Perugia - per la nostra bambina che ha compiuto il suo primo anno di vita pochi giorni fa. Finalmente un po' di serenità anche per la nostra famiglia, la felicità di parlare a mia figlia e farle arrivare la mia voce".

"La bimba era affetta da ipoacusia profonda bilaterale ed è stata sottoposta ad intervenuto chirurgico in occasione di un corso di esperti internazionali di chirurgia otologica, che periodicamente organizziamo presso la struttura complessa di Otorinolaringoiatria", ha spiegato il prof. Giampietro Ricci, che ha eseguito l'intervento in collaborazione con il prof. Jacques Magnan di Marsiglia.

"Eseguiamo 25 interventi all'anno analoghi a questo - ha aggiunto, sempre secondo quanto riferisce l'ufficio stampa dell'ospedale - la metà dei quali riguardano bambini affetti da ipoacusia grave. I risultati che si conseguono sono straordinari, grazie all'apporto di una squadra di specialisti, audiometristi e logopedisti e psicologi di grande esperienza e professionalità".

Il caso in questione, ha spiegato ancora il prof. Ricci, evidenzia "l'efficacia dei protocolli di diagnosi e cura attuati dalla rete sanitaria della nostra regione, che consentono la diagnosi e l'attivazione di trattamenti riabilitativi in tempi assolutamente utili per un completo recupero linguistico e cognitivo dei bambini. Le principali società internazionali che si occupano di sordità infantili raccomandano infatti la formulazione di una diagnosi entro i tre mesi di età, la eventuale protesi da applicare entro i 6 mesi e l'impianto cocleare entro i 12 mesi, esattamente i tempi che sono stati osservati in questo caso. Tanto più gli interventi saranno ritardati rispetto ai tempi ideali, tanto meno essi risulteranno efficaci". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA