Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sanità > Genitori primi ad accorgersi bimbo autistico

Genitori primi ad accorgersi bimbo autistico

Vicari( Bambino Gesu') non esiste terapia che guarisce

31 marzo, 19:35

(ANSA) - ROMA, 31 MAR - Il 2 aprile è la Giornata mondiale della consapevolezza dell'autismo, una malattia che colpisce i bambini sotto i tre anni. Stefano Vicari, responsabile dell'Unità operativa di Neuropsichiatria infantile dell'Ospedale Bambino Gesù di Roma, fa chiarezza sugli aspetti più controversi di questa malattia complessa e difficile da gestire Cos'è l'autismo? "L'autismo e i disturbi dello spettro autistico (DSA) sono disturbi molto frequenti del Neurosviluppo. Riguarda almeno l'1% della popolazione ed è determinato da un'anomala maturazione cerebrale determinata biologicamente che inizia già in epoca fetale, molto prima della nascita del bambino. Di conseguenza, né i vaccini né la relazione con la propria madre hanno alcun ruolo nel provocare l'autismo.

E' difficile fare una diagnosi? E quando? "Contrariamente a quanto si potrebbe credere, giungere a una diagnosi di autismo non è un processo particolarmente complesso già entro i due anni di vita del bambino. In molti casi, sono i genitori ad accorgersi per primi che qualcosa non va nello sviluppo del proprio figlio.

3. La terapia "Non esiste un percorso terapeutico capace di "guarire" dall'autismo ma alcuni interventi psicoeducativi basati sull'evidenza scientifica possono modificare significativamente il decorso naturale del DSA. Nella scelta della terapia andrebbero sempre considerate la particolare fase di sviluppo attraversata dalla persona a cui l'intervento è diretto: un metodo terapeutico, anche se basato sull'evidenza scientifica, può risultare particolarmente efficace a una certa età, ma meno in un diverso momento dello sviluppo".

3) Cosa deve fare un genitore che ha un figlio con un disturbo dello spettro autistico "Rivolgersi a centri pubblici altamente qualificati.

Diffidare di chi propone metodi di cura risolutivi, specie se a caro prezzo! Di autismo non si guarisce. La probabilità di uscire dalla diagnosi e pari a circa al 7% e in fase molto precoce dello sviluppo, cioè entro i primi tre anni di vita. 4) Nel suo libro "l'insalata sotto il cuscino" lei racconta il percorso "tormentato" di due genitori con un bambino autistico.

Quello che colpisce di piu' nel racconto e' la difficolta' della famiglia ad accedere alla cure". "E' così. Le risorse specializzate per la diagnosi e la terapia disponibili sul territorio sono pochissime, soprattutto al sud. Nel mio ultimo libro "Nostro figlio è autistico" pubblicato con Erickson presento una mappa dei centri più qualificati presenti nel nostro Paese".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA