Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sanità > L'azzardo e' malattia per il 50% dei giocatori

L'azzardo e' malattia per il 50% dei giocatori

Aumentano italiani 'a rischio', allarme psicologi

29 gennaio, 13:26
gioco d'azzardo gioco d'azzardo

In Italia un giocatore su due è 'malato' di gioco d'azzardo. Il dato emerge da un sondaggio on line dell'Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico (Eurodap).

Il gioco d'azzardo, spiega la psicologa e presidente Eurodap Paola Vinciguerra - che presenta a Roma il libro 'Gioco D'azzardo, difendersi si può' (Minerva Edizioni), di cui è autrice insieme al segretario dell'Unione nazionale consumatori Massimiliano Dona - ''per 1 giocatore su 2 è diventata un'esperienza emotiva insostituibile destinata a trasformarsi in qualcosa di più serio, in una forma di compulsività tale da provocare nei giocatori e nelle loro famiglie pesanti ripercussioni''. Al sondaggio on line hanno risposto 850 persone tra i 25 e i 65 anni e dalle risposte è emerso che il 20% del campione ha le caratteristiche di un patologico grave, ossia si tratta di persone che non riescono a sottrarsi al gioco; il 30% è patologico (siamo in presenza di una malattia legata al gioco); un altro 20% del campione è risultato a rischio, nel senso che l'abitudine al gioco potrebbe facilmente diventare una malattia, mentre il restante 30% del campione si è dichiarato giocatore occasionale. Dai dati emerge che ''il 50% del campione intervistato è composto da giocatori patologici - spiega Vinciguerra -. Il gioco d'azzardo, dunque, è in aumento ed è ormai entrato a far parte della vita quotidiana delle persone, a cominciare dai Gratta e Vinci per finire col gioco pesante che sempre di più si sta diffondendo su Internet".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA