Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sanità > Oms: violenza su un terzo donne mondo, epidemia mondiale

Oms: violenza su un terzo donne mondo, epidemia mondiale

E in un caso su tre e' inflitta dal partner

24 giugno, 13:07
VIOLENZA DONNE, EPIDEMIA MONDIALE VIOLENZA DONNE, EPIDEMIA MONDIALE

La violenza fisica o sessuale colpisce piu' di un terzo delle donne nel mondo (35%) e la violenza domestica inflitta dal partner e' la forma piu' comune (30%), ha denunciato oggi a Ginevra l'Organizzazione mondiale della sanita' (Oms). ''I risultati di questo studio inviano un messaggio forte: la violenza contro le donne e' un problema mondiale di salute pubblica di proporzioni epidemiche'', ha commentato Margaret Chan, Direttore generale dell'Oms.

Il rapporto e' il ''primo studio sistematico'' mai condotto con dati globali sulla prevalenza della violenza contro le donne da parte del loro partner o della violenza sessuale inflitta da altri e rivela ''una statistica scioccante'', ha affermato Flavia Bustreo, vice Direttore generale dell'Oms per la salute della famiglia, delle donne e dei bambini direttore generale.

''Tutte le fasce di eta' sono colpite'', anche se con una minore prevalenza, pure le giovani o le donne in eta' piu' avanzata non sono risparmiate da questa violenza che ''colpisce inoltre tutte le regioni e le classi sociali'', ha detto Bustreo in una conferenza stampa.

Il rapporto stima il tasso di prevalenza in Africa e' del 45,6%, nelle Americhe del 36,1% , per il Mediterraneo orientale, il 36,4% , in Europa (Russia e Asia centrela incluse) del 27,2%, nel Sud est-est asiatico del 40,2%, nel Pacifico Occidentale del 27,9%. Nei Paesi ad alto reddito e' pari al 32,7% .

Lo studio mostra inoltre che, a livello mondiale, il 38% delle donne uccise lo sono state dai loro partner intimi e che il 42% delle donne che ha subito violenza fisica o sessuale ha subito ferite. Per le donne vittime di violenza da parte del proprio partner, la probabilita' di depressione e' quasi due volte piu' alta rispetto a chi non ne ha subite, cosi' come quella di avere problemi di consumo d'alcol. Salgono anche i rischi contrarre malattie sessualmente trasmissibli, di aborto e di aver un bambino con un basso peso alla nascita. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA