Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Sanità > RICERCA: UNA MAGLIETTA 'INTELLIGENTE' TRA POLITECNICO E MIT

RICERCA: UNA MAGLIETTA 'INTELLIGENTE' TRA POLITECNICO E MIT

SI STUDIA ANCHE ALZHEIMER, GRAZIE A FONDI PROGETTO ROCCA

03 ottobre, 18:54
(ANSA) – MILANO, 3 OTT - Uno studio del cervello umano durante l'invecchiamento alla ricerca dei fattori precursori dell'Alzheimer, ma anche lo sviluppo di un dispositivo per il monitoraggio domiciliare del feto in gravidanza. Sono solo due dei numerosi studi nati nell'ambito del Progetto Rocca, un vero e proprio 'ponte diretto' tra il Politecnico di Milano e il MIT di Boston, e presentati oggi a Milano a studenti e docenti.

Nato nel 2005 e rinnovato fino al 2015, il Progetto si avvale di un finanziamento annuo (attraverso la Fondazione Fratelli Agostino ed Enrico Rocca) di 250.000 dollari, che raggiungeranno fra tre anni una quota totale di 2.500.000 dollari. ''Grazie a questo contributo – spiegano dal Politecnico - sono stati realizzati piu' di 50 progetti di ricerca congiunti MIT– PoliMi nell'ambito della bioingegneria, della scienza dei materiali, dell'ingegneria meccanica, energetica e fisica che hanno coinvolto oltre 70 selezionati dottorandi, Post Doc, giovani ricercatori e assistant professor e piu' di 45 gruppi di ricerca''.

Tra gli studi piu' promettenti c'e' la tesi di dottorato di Maria Giulia Preti, che si focalizza sullo studio del cervello umano durante l'invecchiamento, con tecniche avanzate di risonanza magnetica. L' obiettivo e' di valutare le differenze tra il funzionamento cerebrale del soggetto anziano sano e quello con Alzheimer, allo scopo di trovare possibili fattori precursori della patologia prima che questa si sviluppi. La collaborazione avviata con il MIT ha permesso alla ricercatrice di mettere a punto un nuovo metodo di ''trattografia guidata da risonanza funzionale'' per analizzare il cervello, che e' stato presentato al congresso annuale internazionale della Engineering in Medicine and Biology Society.

La ricerca di Andrea Fanelli, invece, aveva l'obiettivo di sviluppare una maglietta 'intelligente' che permettesse di monitorare lo stato di salute del feto durante la gravidanza. La maglietta basa il suo funzionamento sulla registrazione dell' elettrocardiogramma a livello dell'addome, grazie a elettrodi inseriti nell'indumento. In particolare, il suo scopo e' quello di diagnosticare precocemente eventuali problemi di crescita del feto, ''condizione patologica che interessa il 7% delle gravidanze e che costituisce la principale causa di morbidita' e mortalita' fetale''. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA