Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > I tassisti di Bologna diventano soccorritori con il defibrillatore in auto

I tassisti di Bologna diventano soccorritori con il defibrillatore in auto

Dotati di strumento per interventi salva vita

04 febbraio, 15:31
Tassisti con i defibrillatori Tassisti con i defibrillatori

Tassisti soccorritori, in caso di necessità, dotati di defibrillatore automatico (il 'dae'), con la tempestività di intervento che può salvare una vita. E' il progetto lanciato a Bologna dalla cooperativa di tassisti Cotabo e dall'Azienda Usl, sotto la regia del Comune: è il primo in Europa che coinvolge i taxi nel soccorso.

Grazie alla donazione della Iredeem, 15 tassisti sono stati dotati di defibrillatore ed hanno ricevuto una (semplice) formazione ad utilizzarlo. La centrale 118 è coordinata con quella di Cotabo: in caso di arresto cardiaco, quando i minuti possono fare la differenza fra la vita e la morte, se un taxi con defibrillatore è in zona viene inviato ad intervenire, in attesa dell'ambulanza.

"I tassisti - ha spiegato Giovanni Gordini, direttore del dipartimento emergenza dell'Asl - ovviamente non si sostituiscono al 118, ma in caso di arresto cardiaco l'intervento tempestivo è fondamentale, ogni minuto che passa, le possibilità di salvare una vita diminuiscono del 10%. In questo modo, quando arriva l'ambulanza, c'è già stato un primo intervento che può rivelarsi decisivo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA