Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Alimentazione > Pillole di cioccolato 'salva-cuore'? Al via test clinico

Pillole di cioccolato 'salva-cuore'? Al via test clinico

Antiossidanti cacao in pillole saranno testati su 18mila persone

18 marzo, 11:13
(ANSA) - ROMA, 18 MAR - 'Pillole di cioccolato' in sperimentazione per verificare se la golosa leccornia davvero contiene gli ingredienti giusti per difendere la salute del cuore: decine di migliaia di americani prenderanno di qui a quattro anni queste pillole (una pasticca contenente i 'principi attivi' putativi del cioccolato) per vedere se danno un qualche beneficio preventivo per la salute cardiovascolare.

Lo studio, appena iniziato, sarà coordinato da JoAnn Manson, del prestigioso ospedale Brigham and Women's Hospital di Boston, insieme a ricercatori del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle.

Il cioccolato - specie il fondente - è divenuto negli ultimi anni protagonista di non pochi studi scientifici che ne attestavano le sue virtù preventive contro infarto e pressione alta per esempio. Per questo un'istituzione prestigiosa come l'ospedale di Boston ha deciso di studiare il 'fenomeno barretta'' con un metodo impeccabile, quello con cui si sperimenta l'efficacia di un potenziale farmaco. Poiché i ricercatori sospettano che le virtù del cioccolato si annidino negli antiossidanti del cacao, chiamati flavonoidi, gli esperti hanno creato una pasticca contenente dosi concentrate di queste sostanze.

Gli esperti coinvolgeranno in tutto 18 mila individui di entrambi i sessi e daranno loro due pillole di cioccolata al giorno, confrontando a lungo termine l'efficacia di queste pasticche con quella di pillole placebo non contenenti alcun principio attivo.

I primi risultati, dicono gli esperti, saranno disponibili da qui a tre anni. Ma c'è un 'caveat': lo studio sarà finanziato in buona parte da un produttore di cioccolato e, afferma Beatrice Golomb della University of California San Diego in un commento sul Boston Globe, gli studi finanziati da industrie danno con maggiore probabilità risultati favorevoli. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA