• Fecondazione in vitro diventa 3D, per terapie più efficienti

Fecondazione in vitro diventa 3D, per terapie più efficienti

Ricerca italiana, utile anche per tutelare specie a rischio

(ANSA) - BARI, 24 SET - La fecondazione in vitro diventa 3D e promette di aumentare sia l'efficienza degli interventi di procreazione assistita nell'uomo, sia di contribuire a tutelare le specie minacciate di estinzione, La ricerca, italiana, è pubblicata sulla rivista internazionale Plos One dal gruppo di Biotecnologie riproduttive del dipartimento di Bioscienze Biotecnologie e Biofarmaceutica dell'Università di Bari, coordinato da Maria Elena Dell'Aquila.
    Secondo questo studio, con un innovativo approccio bioingegneristico le cellule uovo di un modello animale sono state incapsulate in microsfere di idrogel, una sostanza composta per la maggior parte di acqua, mediante tecnologia di stampa 3D per ottenere strutture per la coltura in vitro. Questo ha migliorato la vitalità e il potenziale di sviluppo delle cellule uovo microincapsulate rispetto a quelle coltivate con i metodi convenzionali 2D.
    "Lo studio interdisciplinare - osserva l'Università di Bari in una nota - ha importanti applicazioni e ricadute nella produzione di embrioni in vitro sia per la procreazione medicalmente assistita, per l'industria delle produzioni animali, per la propagazione di specie a rischio di estinzione e per la valutazione del rischio da agenti chimici sulla fertilità femminile". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie