Puglia, no al vino Primitivo di Sicilia

Il governatore Emiliano, 'difenderemo unicità nostro prodotto'

(ANSA) - BARI, 2 MAG - La Regione Puglia contro la Regione Sicilia 'rea' di aver autorizzato l'impianto di viti e la produzione di vino Primitivo: "Siamo pronti a una dura opposizione, in tutte le sedi consentite", in caso di inserimento della varietà "in disciplinari Dop o Igp diversi da quelli che già lo consentono", annuncia il governatore Michele Emiliano. "Registriamo le forti preoccupazioni nel mondo agricolo pugliese per la decisione della Regione Sicilia", prosegue: "I nostri produttori temono, giustamente, che altri territori possano sfruttare in maniera indebita il crescente consenso di mercato di una denominazione che, grazie al duro lavoro e ai tanti investimenti dei pugliesi, si sta imponendo sempre di più tra le eccellenze del panorama enologico mondiale". Pur rispettando la decisione siciliana, la Puglia "è vigile" e intende far sì che le denominazioni d'origine "siano adeguatamente tutelate": "Non mancheremo di segnalare - conclude - la nostra ferma volontà di difendere l'unicità dei vini pugliesi". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie