Italiano ucciso in Olanda, preso il killer

Carabinieri, è un pugliese di 44 anni. Circostanze da chiarire

Un italiano, Saverio Tucci, di 44 anni, di Manfredonia, in provincia di Foggia, è stato ucciso ieri sera in Olanda, ad Amsterdam, in circostanze non ancora chiare. Lo si è appreso dai carabinieri di Foggia.
A quanto si è appreso, tre persone sono state arrestate e dovranno comparire in tribunale questa settimana. Tucci era un pregiudicato ed era sfuggito ad altri attentati. Il 12 agosto del 2012, in via Galilei, a Manfredonia, Tucci - chiamato 'Faccia d'Angelo' - scampò ad un agguato: mentre era impegnato come operaio a svolgere lavori di tinteggiatura e ristrutturazione di uno stabile, una persona a bordo di una vettura gli sparò contro colpi di fucile, probabilmente calibro 12. Tucci, scampato in passato ad altri attentati, riuscì a trovare rifugio in un portone. Tucci era stato già condannato per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti nell'ambito dell'operazione chiamata Iscaro-Saburo nel giugno del 2004, indagine della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari che smantellò la mafia garganica. Il 44/enne, a quanto si è appreso, era vicino al clan Libergolis, contrapposto a quello dei Romito, famiglia coinvolta nella strage avvenuta a San Marco in Lamis il 9 agosto scorso: furono ammazzate con una pioggia di colpi di arma da fuoco quattro persone. Le vittime furono il boss Mario Luciano Romito, di 50 anni, di Manfredonia, suo cognato e due contadini, eliminati dai sicari perchè testimoni scomodi dell'agguato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie