Professioni

Dl sostegni: commercialisti, ottima notizia per professioni

Successo di de Bertoldi, vittoria buonsenso e diritto a salute

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 04 MAG - "Un'ottima notizia. Dopo un iter travagliato, hanno prevalso il buon senso e la difesa del fondamentale diritto alla salute. Si tratta di un successo del primo firmatario dell'emendamento, il senatore di FdI Andrea de Bertoldi, e di tutti gli altri firmatari, appartenenti ad uno fronte politico ampio e trasversale. Ma questo è un successo anche dei commercialisti italiani, che sin dal primo momento hanno sostenuto questa iniziativa con forza e determinazione".
    Questo il commento del presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani, all'approvazione da parte delle commissioni congiunte Bilancio e Finanze del Senato dell'emendamento al decreto sostegni che prevede la sospensione della decorrenza dei termini relativi ad adempimenti in capo al libero professionista che contrae il Covid-19. "Il momentaneo stop all'emendamento, avvenuto nei giorni scorsi per mancanza di copertura, ci era sembrato paradossale perché si negava ai professionisti un diritto riconosciuto ad altri lavoratori, e lo si faceva in un frangente drammatico come quello che stiamo vivendo con l'emergenza pandemica". Da questo momento in poi, aggiunge il vicepresidente del Consiglio nazionale della categoria, Giorgio Luchetta, "la nostra battaglia prosegue per l'approvazione in tempi il più rapidi possibile del disegno di Legge relativo alle garanzie da fornire ai professionisti in caso di malattia grave o infortunio, non solo quando contraggono il Covid (all'esame della Commissione Giustizia del Senato, ndr). L'approvazione dell'emendamento di de Bertoldi è importante, anche perché può fare da apripista all'approvazione di un provvedimento di ben più ampia portata, promosso dallo stesso senatore di FdI con la Consulta dei parlamentari commercialisti, che gode peraltro anch'esso di un sostegno trasversale e unitario", chiudono i commercialisti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie