Manovra: Confimi industria-Anc, baratto 4.0 norma buonsenso

'Innovativa procedura per abbreviare i tempi di riscossione'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 22 DIC - "Se tutto procederà come deve, dal prossimo anno i crediti e i debiti derivanti da transazioni commerciali che risultano dalle fatture elettroniche i cui importi non sono ancora stati riscossi, potranno essere compensati tra loro. Dopo la proposta di legge di novembre, a prima firma Garavaglia, sostenuta e promossa da Anc (Associazione nazionale commercialisti) e Confimi Industria, la Commissione Bilancio della Camera ha approvato l'emendamento alla prossima Legge di stabilità, che riguarda l'introduzione di questo sistema attraverso l'implementazione della piattaforma SDI".
    L'Anc e Confimi Industria, recita una nota, "hanno sempre creduto in questa innovativa procedura, che costituirà una vera e propria rivoluzione che consentirà di abbreviare i tempi di riscossione degli importi da parte dei soggetti economici interessati a questo scambio multilaterale. Allo stesso tempo, darà maggior senso all'istituzione del sistema di fatturazione elettronica che, sino ad ora, ha stentato a ricevere l'apprezzamento degli operatori economici". Per il presidente del sindacato dei commercialisti Marco Cuchel è "un'idea semplice ma che potrebbe facilitare la vita agli uffici amministrativi di molte aziende e anche ai piccoli operatori. In un momento come questo, di grande difficoltà economica, sarà possibile disporre di maggiore liquidità e fare meno ricorso al sistema creditizio e ad onerosi sistemi di anticipo sulle fatture. Ringraziamo l'onorevole Massimo Garavaglia (Lega) per aver sostenuto attivamente sia la proposta di legge, che l'emendamento in Commissione, come ringraziamo i deputati di tutti i gruppi che l'hanno votata, percependone le potenzialità", si chiude la nota. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie