Consulenti, analisi su 'smart working'

Sondaggio categoria, emerge 'basso livello digitalizzazione'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 04 APR - Quasi 8 imprenditori su 10 (il 79,3%) provano "diffidenza" verso la modalità di lavoro 'agile' (lo 'smart working'), e ciò "non contribuisce alla sua diffusione" nell'emergenza da Covid-19. E, a pesare sull'uso delle tecnologie per svolgere da casa l'impiego, c'è il "basso livello di digitalizzazione del Paese, sia per l'indice di alfabetizzazione digitale di imprenditori e lavoratori", sia per "le carenze delle infrastrutture tecnologiche" in Italia. Sono gli esiti di un sondaggio della Fondazione studi dei consulenti del lavoro, condotto su un campione rappresentativo di colleghi professionisti iscritti all'Ordine, quando erano già stati emanati in provvedimenti restrittivi del governo, che hanno indotto una larga fetta degli occupati del Paese a sbrigare gli incarichi tra le mura domestiche. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


    Modifica consenso Cookie