Dl sostegni:dottori commercialisti,ok stop termini per Covid

Distilli (Cdc), 'emendamento di de Bertoldi è atto di civilità'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 04 MAG - Il presidente della Cassa dottori commercialisti (Cdc) Stefano Distilli esprime "piena soddisfazione nei confronti di un atto di civiltà e di attenzione al mondo dei liberi professionisti e alla nostra categoria in particolare", in merito al via libera al Senato all'emendamento al decreto sostegni sulla sospensione della decorrenza dei termini degli adempimenti, nel caso di infezione da Covid del professionista. Una modifica, aggiunge, "il cui primo firmatario è il senatore Andrea de Bertoldi di FdI, che ringrazio per l'impegno profuso in questi mesi", giacché il testo "riconosce a una categoria come la nostra, che è stata sempre in prima linea in questo anno di pandemia svolgendo un indispensabile attività nell'affiancare aziende e privati e supportare l'Amministrazione finanziaria, un diritto fondamentale come quello di ammalarsi, senza dover subire ulteriormente, e far ricadere sui clienti la beffa dell'inadempimento e delle sanzioni", sottolinea il vertice dell'Ente pensionistico privato. "Alla luce di questo importante passaggio, l'auspicio è che possa essere ripreso il Disegno di legge complessivo sulla malattia dei professionisti (in commissione Giustizia di palazzo Madama, 'fermo' per problemi di copertura finanziaria, ndr) che, finalmente, sancirebbe questo principio anche a livello generale e non solo in riferimento alla pandemia Covid. Allo stesso tempo - conclude Distilli - mi preme sottolineare come, in un'ottica di attenzione ai bisogni e alle difficoltà dei liberi professionisti, possa essere ulteriormente riconosciuto e rafforzato il ruolo delle Casse di previdenza come erogatori di misure di welfare a sostegno delle rispettive categorie, concedendo loro la possibilità di destinare maggiori risorse (nel nostro caso attualmente limitate al 2% dell'avanzo corrente) a iniziative di assistenza, soprattutto in un momento così difficile e dalle prospettive incerte che ha messo ulteriormente in difficoltà la parte già più debole delle nostre platee di riferimento", si chiude la nota della Cassa dottori commercialisti. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie