COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Quarta commissione – Prioritario contrastare il fenomeno delle ‘ecomafie’

Prosegue l’impegno contro la criminalità organizzata e mafiosa.

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

(Arv) Venezia 13 apr. 2021 - La commissione, presieduta da Andrea Zanoni (Partito democratico), con vicepresidente Roberto Bet (Zaia Presidente), ha innanzitutto approfondito il ruolo della Regione nel promuovere la legalità e contrastare la criminalità organizzata; in particolare, è stata valutata la possibilità/obbligatorietà per l’amministrazione regionale di costituirsi parte civile nei procedimenti penali per i delitti di cui agli art. 416 bis e 416 ter del Codice penale, ovvero nel caso di associazione di tipo mafioso e di scambio elettorale politico- mafioso, ai sensi dell’art. 16 della L.R. 48/2012 “Misure per l'attuazione coordinata delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato e mafioso, della corruzione nonché per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile”. Il citato articolo 16 prevede testualmente che “La Giunta regionale, ai sensi dell’articolo 54 dello Statuto, valuta l’adozione di misure legali volte alla tutela dei diritti e degli interessi lesi dalla criminalità organizzata e mafiosa, ivi compresa la costituzione in giudizio nei relativi processi, motivando al Consiglio regionale l’eventuale scelta di non costituzione”.

È stata sottolineata la necessità di essere tempestivi nella costituzione di parte civile e l’opportunità, quindi, di rendere sistematica la collaborazione tra Consiglio regionale, chiamato a gestire in autonomia il proprio contenzioso, e Avvocatura regionale, nell’ambito del piano triennale per la prevenzione della corruzione. Importante è anche rafforzare la collaborazione tra amministrazione regionale e Procura distrettuale antimafia, mettendo a disposizione personale dedicato per l’esecuzione di determinati progetti.

 

È seguita l’illustrazione di alcune richieste pervenute, per calendarizzare i futuri lavori e impegni della commissione. Le istanze presentate mirano a valutare e approfondire lo stato di attuazione di alcune Leggi regionali in ambiti strategici: “Norme in materia di edilizia residenziale pubblica”, primo firmatario la consigliera Elena Ostanel (VcV); “Piano regionale di tutela e di risanamento dell’atmosfera”, primo firmatario la consigliera Anna Maria Bigon (Pd); “Informazioni sul fenomeno delle ‘ecomafie’ e sugli stoccaggi abusivi di rifiuti nei capannoni abbandonati”, primo firmatario Bigon; “Stato di attuazione degli interventi a seguito dei danni causati dalla Tempesta Vaia dell’autunno 2018”, primo firmatario la consigliera Bigon; “Piano Strategico per il consolidamento e il miglioramento delle attività a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori per il triennio 2018-2020”, primo firmatario Bigon.

La commissione ha votato all’unanimità l’accoglimento di tutte le richieste pervenute, ma ha indicato una sola priorità di lavoro, almeno per il momento: “Informazioni sul fenomeno delle ‘ecomafie’ e sugli stoccaggi abusivi di rifiuti nei capannoni abbandonati”.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Modifica consenso Cookie