• CRV - Consiglio regionale del Veneto: la prima seduta telematica inizia con ricordo vittime Covid-19
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Consiglio regionale del Veneto: la prima seduta telematica inizia con ricordo vittime Covid-19

E il ringraziamento a tutta la Sanità, commercio, i trasporti, protezione civile, Esercito e Forze dell'Ordine

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

La prima seduta telematica del Consiglio regionale del Veneto inizia con il ricordo delle vittime Covid-19 e il ringraziamento a tutta la Sanità, commercio, i trasporti, protezione civile, Esercito e Forze dell'Ordine

(Arv) Venezia 31 mar. 2020 -      “In apertura di questa seduta del Consiglio regionale del Veneto, la prima nella nostra storia effettuata in videoconferenza su piattaforma digitale, desidero ricordare con profonda commozione quanti sono morti in questi giorni e con affetto dedicare un pensiero anche ai loro familiari e quanti hanno sofferto e stanno soffrendo in questa emergenza” E’ iniziata così, con le parole del Presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti, la prima seduta telematica dell’assemblea legislativa veneta svolta in video conferenza in ottemperanza alle norme di profilassi previste per l’epidemia Civd-19. “Oggi, abbiamo esposto le bandiere a mezz’asta in segno di lutto e a mezzogiorno dedicato il minuto di silenzio che ha unito le Istituzioni democratiche in tutta Italia: il Consiglio regionale rende onore alle vittime ma eleva anche un pensiero di sincera gratitudine a tutta la struttura della Sanità Veneta - ha continuato Ciambetti - dall’assessorato alla sanità alla dirigenza regionale a tutti gli operatori sanitari, dai medici di famiglia ai farmacisti, il personale medico, infermieristico e paramedico sino a quanti ovunque, nell’assistenza domiciliare, nei presidi sanitari, dalle farmacie sino agli ospedali in qualsiasi reparto e con qualsiasi ruolo, stanno sostenendo uno sforzo indicibile del quale non solo bisognerà tenere debito conto domani, passata l’emergenza, ma anche fare tesoro per ricostruire il nostro Paese su basi etiche e morali che oggi sono emerse con straordinaria forza ed evidenza tra chi è stato in prima linea in queste settimane.  Analogamente bisognerà fare tesoro dell’impegno profuso da quanti, nel mondo del commercio, dei trasporti, dei servizi, dei mass media, gli operatori della Protezione civile e le forze dell’Ordine e l’Esercito, che hanno permesso a noi tutti di mantenere adeguati standard di vita nonostante la grande difficoltà di questi giorni. Un grazie sentito e autentico - ha sottolineato il presidente del Consiglio regionale del Veneto - a questi lavoratori veri protagonisti di una stagione drammatica: senza di loro non ce l’avremmo fatta. Tra questi lavoratori mi sembra giusto ricordare anche i dipendenti del Consiglio regionale del Veneto che in queste settimane hanno garantito la continuità della vita istituzionale permettendoci tra l’altro di svolgere le sedute delle Commissioni ed oggi la seduta dell’intero consiglio. Tutto il mondo del lavoro del Veneto, compreso il terzo settore e le associazioni di solidarietà hanno dato una risposta eccezionale e sorprendente.  Ammiro la compostezza con cui la stragrande maggioranza dei cittadini e delle famiglie venete hanno responsabilmente accolto gli appelli a rimanere a casa per limitare al massimo i rischi di contagio. Tutti hanno sopportato disagi e tutti siamo chiamati a fare la nostra parte: sappiamo- ha concluso Ciambetti - che dovremo sostenere ancora a lungo questa situazione in cui siamo costretti. Più rispetteremo le norme di profilassi, prima usciremo dalle difficoltà. Da palazzo Ferro Fini casa di tutti i Veneti un sincero grazie a tutti”. La seduta poi è continuata con l’audizione dell’assessore alla Sanità regionale Manuela Lanzarin.

Archiviato in


Modifica consenso Cookie