COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Apollo 2.0, un nuovo modo di fare business con la realtà virtuale

Pagine Sì! SpA

L’idea di Marco Amaranto, CEO del marchio RVO (Realtà Virtuale One), è di sdoganare la realtà virtuale dalle sale giochi e portarla nelle piazze. Il successo è assicurato.

Sempre più spesso si parla di realtà virtuale: un’esperienza immersiva, travolgente, che trasporta l’utente dall’ambiente esterno a una realtà parallela che suscita emozioni reali. Ma come fare per trasformarla in business di successo?

La risposta ha un nome che ricorda le missioni spaziali: Apollo 2.0, una macchina dotata di pedana vibrante e visore che riesce ad attrarre sia grandi che piccini. Un nuovo modo di fare impresa, in cui la realtà virtuale viene sdoganata dalle sale giochi e dai parchi divertimento dove solitamente è relegata, e viene resa itinerante e portata nelle piazze. In questo momento di precarietà rappresenta una grande opportunità di investimento, una novità assoluta nel panorama imprenditoriale italiano. L’idea è di Marco Amaranto, CEO di RVO (Realtà Virtuale One), marchio dedicato all’entertainment con la realtà virtuale. Grazie alla sua profonda conoscenza del mercato asiatico, Marco Amaranto è entrato in contatto con questa nuova macchina, l’ha portata in Italia ed ha pensato di massimizzare il suo potenziale mettendola a disposizione di tutti nelle piazze. Le esperienze sono pensate sia per gli adulti che per i bambini. Le categorie sono le più varie: adrenalina per i temerari, mondi fantastici per i bambini e culturali per ogni età.

La presenza di Apollo 2.0 nelle piazze suscita immediato interesse e crea uno spettacolo imperdibile. Le persone rimangono incuriosite dalla sua linea e si fermano a guardarla: «A quel punto offriamo un giro a chi si presenta, lo facciamo salire su Apollo 2.0 e, in base alle emozioni che prova, comincia ad avere delle reazioni. È possibile che la persona inizi a dimenarsi, a urlare, ad accoccolarsi su sé stessa. In quel momento gli altri che stanno guardando da fuori rimangono incantati e si forma una folla: tutti vogliono salire per fare un’esperienza. È spettacolo e divertimento puro sia per chi sta vivendo l’esperienza sia per chi guarda» racconta Amaranto. Le opportunità di guadagno sono molte. Se si colloca Apollo 2.0 in luoghi dove c’è molto movimento, per esempio in estate al mare nelle principali località balneari, si riesce ad incassare dai 2000 ai 4000 euro a settimana. Una grande opportunità di business da cogliere al volo e adatta a qualsiasi tipo di persona.

 

Archiviato in