COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Parrucchieri, necessario ripartire dalla formazione scolastica

Pagine Sì! SpA

La tecnica e il talento sono importanti, ma alla base di tutto ci deve essere la formazione. Un concetto che può essere applicato in ogni ambito lavorativo, ma ancora di più in un settore come quello delle acconciature, dove negli ultimi anni si è registrato un vero e proprio boom di corsi di formazione, a discapito della “vecchia” scuola. Una scelta che sembra sia dettata più dalla moda, che da un vero e proprio valore aggiunto. “Oggi in molti sono convinti che per fare il parrucchiere è sufficiente intraprendere un percorso di apprendistato in salone e il gioco è fatto - commenta Mario Barili, titolare della Mario Hair Art di Arezzo e coiffeur di lungo corso di numerose celebrità e star internazionali. - Il figlio che non vuole studiare viene instradato in una carriera considerata statica e già prestabilita, improntata sull’esperienza che s’impara con la pratica e non sui libri o con i corsi. Ma le cose non stanno così. Il parrucchiere ha un suo particolare talento, ma lo mostra agli altri anche grazie alla formazione e allo studio con cui si impegna a crescere. Per questo è importante investire nelle scuole, che rappresentano l’unica ‘palestra’ giusta per chi vuole intraprendere questa professione”.

Così come avviene per la moda, anche quella del parrucchiere è una professione in continua evoluzione e questo significa che ogni professionista deve essere in grado di adattare le proprie capacità a nuovi stimoli di apprendimento, che arrivano grazie al confronto con i colleghi e con i formatori, ma anche attraverso la personalità, che nel tempo subisce scossoni e mutamenti continui. “Il parrucchiere non smette mai di imparare - prosegue Barili - perché in un settore artistico come questo, le novità sono sempre dietro l’angolo. Non bastano i corsi, gli aggiornamenti, gli anni di lavoro in salone. Imparare è il motore di crescita per allenare il proprio talento e renderlo sempre migliore”.

Archiviato in