COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

La rivoluzione del franchising immobiliare arriva dalla Toscana

Pagine Sì! SpA

Un modello alternativo al classico franchising immobiliare, dove non esistono costi fissi ma variabili e in grado di migliorare sensibilmente il rapporto tra l’azienda madre e gli uffici aggregati. È questa l’idea di successo nata in Toscana, grazie all’iniziativa dell’imprenditore Mirko Cecconi, fondatore e presidente di Mediatori Group, gruppo immobiliare che conta oggi uffici in Toscana, Lazio, Marche, Sardegna e Sicilia, ed altre 3 regioni prossime all’apertura. Una realtà sviluppata con la precisa idea di realizzare un contesto lavorativo diverso, che trova il suo fondamento in due concetti semplici: riportare al centro il saper fare bene il mediatore immobiliare e garantire la miglior assistenza possibile al cliente. “L’idea è nata dalla mia precedente esperienza all’interno di un grande gruppo immobiliare - spiega Cecconi. - Mi occupavo di franchising e quindi mi sono confrontato spesso con le difficoltà legate a questo mondo. Oggi chi vuole aprire un’agenzia in franchising è soggetto ad una serie di costi fissi molto alti, le così dette royalties, che non tengono minimamente conto del contesto lavorativo nel quale operano le varie agenzie, e che spesso finiscono con l’influenzare negativamente il lavoro di un professionista”.

La novità di Mediatori Group sta nell’essere la prima società ad aver ribaltato questo concetto: niente più costi fissi per l’agenzia affiliata, niente royalties mensili, né “fee” d’ingresso né penali di uscita, ma costi variabili, ovvero in base alle vendite che il professionista riesce a portare a termine. “A coloro che decidono di aggregarsi al nostro gruppo mettiamo a disposizione una serie di servizi a costo zero, che vanno dalla cartellonistica, ai biglietti da visita, fino alla formazione professionale - afferma Cecconi - Insomma, noi ci assumiamo tutte le spese iniziali, lasciando l’agente immobiliare libero di dedicarsi completamente alla piena soddisfazione del cliente”. Altro elemento cardine del progetto riguarda la formazione. Ogni agente che si aggrega a Mediatori Group, infatti, viene adeguatamente e gratuitamente formato per saper rispondere in modo preciso e professionale alle esigenze dei clienti. Non solo per quanto riguarda la formazione di base, ma anche per quella obbligatoria prevista dalla Legge 39/89, per accedere all’esame della Camera di Commercio. Infine, se un agente ha difficoltà a portare a buon fine una trattativa, può avvalersi del supporto della casa madre, che interviene, attraverso l’assistenza e l’affiancamento dei i responsabili di provincia, per risolvere con successo il problema. “Per noi non è importante aprire il maggior numero di uffici - conclude Cecconi - ma sviluppare le competenze dei nostri aggregati. Selezioniamo accuratamente i professionisti che vogliono lavorare con noi, perché non vogliamo mettere delle “bandierine” come i grandi gruppi immobiliari, ma ci interessano le persone: sono loro a dare valore aggiunto al nostro lavoro”.

Archiviato in