COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Investire in Costa degli Etruschi con l'Eden Immobiliare di San Vincenzo (LI)

Pagine Sì! SpA

Un’ ‘isola’ felice sulle coste della Toscana, ricca di storia, cultura e biodiversità. Un luogo da scegliere come buen retiro, oppure come piacevole meta per vacanze estive, da sfruttare anche come investimento. Sono queste le principali caratteristiche della Costa degli Etruschi, la lingua di terra che va dalla provincia di Livorno fino a Piombino, comprendendo i caratteristi paesi dell’entroterra come Suvereto, Castagneto Carducci, Bolgheri e Campiglia Marittima. Una meta che negli anni è diventata una delle località turistiche più gettonate della Regione, grazie ad un’offerta enogastronomica di altissimo livello e ad un microclima davvero favorevole. “Parlare di questo territorio significa evocare spiagge, pinete, siti archeologici e borghi ricchi di storia, che ne rendono una parte ricercatissima della Toscana, sia come investimento sia come semplice meta per trascorrere le vacanze”, commenta Maurizio Galligani, titolare della Eden Immobiliare di San Vincenzo.

“Oggi sono tantissimi i turisti che scelgono questa parte della Toscana come meta per le loro vacanze – prosegue Galligani. – Qui c’è un vero patrimonio di testimonianze ambientali e culturali, oltre ad essere facilmente raggiungibile dall’aeroporto di Pisa e dall’autostrada”. Insomma, un luogo dei sogni, scelto da professionisti, italiani e stranieri, o da famiglie, per trascorrerci due/tre mesi all’anno, o magari alla ricerca di un buon investimento come casa-vacanze o per produrre vino e olio. “Investire in queste zone è sicuramente redditizio – spiega Galligani – a patto che si decida di acquistare una casa che non disti oltre 40 metri dal mare, magari per affittarla nei mesi di maggior affluenza e godersela, invece, durante i periodi meno affollati. C’è anche una fortissima richiesta di casolari con terreno annesso, ma ormai queste proprietà sono sempre più rare, ed il mercato della produzione di vino e olio è praticamente saturo”.

 

Archiviato in