COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Federprivacy

Privacy e Digital Economy, i nuovi scenari della protezione dei dati personali e il mercato digitale

Il 30 aprile evento organizzato da Federprivacy con il giurista Franco Pizzetti e i DPO delle grandi realtà italiane

Federprivacy

Lo scorso anno la pandemia del Covid-19 ha imposto una repentina accelerazione degli scambi commerciali tramite internet a livello globale, e nel 2020 il giro d’affari del commercio elettronico nel nostro Paese ha raggiunto i 22,7 miliardi di euro, con un incremento rispetto all’anno precedente di circa 4,7 miliardi registrando una crescita del 26%, come hanno evidenziato le statistiche dell'Osservatorio B2c del Politecnico di Milano.

Anche se l’impossibilità di potersi spostare per i propri acquisti durante il lockdown ha notevolmente aumentato il ricorso agli acquisti online anche nei settori più restii alla digitalizzazione, molte piccole e medie imprese sono state però colte impreparate, e non sono state in grado di cogliere le opportunità che si sono presentate nonostante il drammatico periodo di emergenza sanitaria.

Benché il Gdpr sia pienamente operativo ormai da tre anni, e fin dall’inizio abbia avuto l’obiettivo dichiarato di porre le basi per realizzare un “clima di fiducia per lo sviluppo dell’economia digitale in tutto il mercato interno” dell’Unione Europea, sono molte le aziende che considerano ancora la privacy e la normativa sulla protezione dei dati personali una fastidiosa burocrazia.

D’altra parte, negli ultimi anni la maggior parte delle grandi realtà italiane hanno investito molte risorse per la compliance al Gdpr e si sono organizzate per gestire correttamente i dati personali non solo per evitare le sanzioni, ma anche per trarre benefici per il loro posizionamento nell’economia digitale.

Quali sono stati gli impatti del Gdpr nelle grandi aziende italiane, e quali sono le loro strategie per correre nel doppio binario degli adeguamenti alla normativa sulla privacy e del mercato digitale? E quali sono le prospettive attuali e futuri della protezione dei dati personali in relazione al pieno sviluppo del mercato digitale?

Insieme ai data protection officer di alcune delle più grandi realtà italiane, affronta questi temi in una tavola rotonda il Prof. Francesco Pizzetti, giurista dotato di una grande visione sugli scenari italiani ed internazionali, nonché presidente dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali per sette anni dal 2005 al 2012.

All’evento online, organizzato da Federprivacy per venerdì 30 aprile 2021, parteciperanno Roberta Quintavalle di Mediaset, Giorgio Aprile di Ferrovie dello Stato Italiane, Mario Mosca di BNP Paribas Italia, Carlo Alberto Galiano di Edison, e Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy, che modererà la tavola rotonda.

La partecipazione alla tavola rotonda dal tema "Privacy e Digital Economy, i nuovi scenari della protezione dei dati personali per lo sviluppo del mercato digitale" è gratuita per i soci membri di Federprivacy previa prenotazione online dall'Agenda Online fino ad esaurimento dei posti disponibili, con il riconosciuto di TÜV Italia ai fini dell'aggiornamento formativo richiesto ai professionisti certificati come Privacy Officer sullo schema CDP/TÜV.

Durante l'evento sarà presentato il nuovo libro "Protezione dei dati personali in Italia tra GDPR e codice novellato" curato da Pizzetti ed edito da Giappichelli.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Federprivacy

Modifica consenso Cookie