• Orlando: Da ultimo DPCM risposta ancora parziale su regole certe e liquidità per imprese e famiglie
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale ANCI Sicilia

Orlando: Da ultimo DPCM risposta ancora parziale su regole certe e liquidità per imprese e famiglie

ANCI Sicilia

“Uno sforzo finanziario quello dell’ultimo DPCM che dà una risposta ancora parziale all’esigenza di fissare regole certe settore per settore e consentire liquidità per famiglie ed imprese. Sono ancora insufficienti le risorse che, in mancanza di integrazione oltre i previsti 3,5 miliardi, mettono comuni ed ex province nella condizione di non poter approvare i bilanci né di garantire servizi essenziali”.

Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente di ANCI Sicilia, a conclusione di un incontro che, svoltosi questa mattina,  ha visto la partecipazione  di  tutti i capigruppo di maggioranza e minoranza della Camera dei Deputati, delegazione Anci e Sindaci metropolitani. Dopo avere condiviso con altri sindaci il pericolo che si possano nuovamente registrare picchi di contagio con devastanti effetti sulla vita salute ed economia del Paese, il presidente Orlando ha spiegato: “Ciò che appare del tutto incomprensibile è continuare ad applicare agli enti locali  limiti di spesa di risorse in atto disponibili presso le casse degli stessi (limiti di anticipazioni e di utilizzo di avanzo di amministrazione e di fondo crediti di dubbia esigibilità) in applicazione di leggi italiane approvate in ossequio al patto di stabilità europeo che la Unione Europea ha SOSPESO e l’Italia assurdamente CONTINUA ad imporre con una legislazione fuori tempo e fuori da ogni rispetto per l’emergenza.
Si tratta di una posizione sterile e dannosa che non comporterebbe alcun esborso di risorse statali!”

“Da ultimo e non per ultimo – conclude Orlando - si torna a chiedere il rifinanziamento della Ordinanza di Protezione civile del 29 marzo a favore di fasce più deboli e nuovi poveri che è stato con grande celerità applicata dai Comuni e che adesso appare necessario rifinanziare in attesa che diventi concreto il reddito di emergenza! Il disagio rischia di trasformarsi in rabbia sociale e i sindaci hanno il dovere di rappresentare i rischi per la tenuta delle nostre città a partire dai più deboli ! Se non arrivano le istituzioni gli “stregoni” della speculazione, delle mafie e degli usurai sono pronti a prenderne il posto”.


 

Archiviato in


Modifica consenso Cookie