• Roberta Campesi: “Perché l’avvocato aiuta la corretta gestione di società a partecipazione pubblica”
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Roberta Campesi: “Perché l’avvocato aiuta la corretta gestione di società a partecipazione pubblica”

Pagine Sì! SpA

Vi sono oggi molteplici motivazioni che possono spingere una amministrazione pubblica ad avvalersi di un esperto in ambito amministrativo; l’obiettivo principale di chi governa beni pubblici è infatti ottenere la maggiore soddisfazione possibile dell’utenza (ossia i cittadini) facendo in modo che vi sia il minor numero possibile di contenziosi (con altre amministrazioni pubbliche o con privati).

Diventa però sempre più complicato a causa di cambiamenti legislativi nonché dei rischi ad essi collegati: la soluzione auspicabile è rivolgersi a chi ha le corrette competenze per agire al meglio.

“All’interno di diverse pubbliche amministrazioni esistono figure di controllo -evidenzia l’avvocato Roberta Campesi esperta di diritto amministrativo- dunque in tanti casi c’è già che si occupa di aspetti di analisi e accertamento delle corrette pratiche; ci sono poi però delle realtà complesse, come le partecipate pubblico-privato, dove è necessario l’ausilio di professionisti esterni, anche perché spesso le strutture pubbliche, nate nel passato, non hanno le figure con la giusta professionalità”.

Il legislatore è infatti intervenuto negli anni con una serie sempre più rilevante di richieste, andando a intervenire sia nel campo degli obblighi di offerta ai cittadini di pubblici servizi, sia in quello di una maggiore apertura agli ingressi del privato. Contestualmente, come prima accennato, gli enti pubblici si sono dovuti dotare anche di organi di controllo o autotutela.

Il ricorso a professionisti esterni non è dunque un elemento emergenziale “Questi professionisti devono essere capaci di intervenire in vari ambiti, dove il privato si innesta nel pubblico e non necessariamente devono operare in situazioni di difficoltà, continua la Campesi; anzi, un rapporto di sostegno e accompagnamento è proprio la migliore maniera per evitare momenti di crisi”.

La presenza di un esperto diventa dunque rilevante per dare il miglior servizio (nonché evitare possibili fastidiose cause in tribunale).

Archiviato in


Modifica consenso Cookie