COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Roberta Campesi: “L’avvocato diventa stratega del titolare d’impresa”

Pagine Sì! SpA

È in atto un profondo cambiamento nell’attività forense degli avvocati che lavorano con le imprese e Roberta Campesi, che col suo studio legale di Olbia segue diverse attività sparse in tutta Italia, ha abbracciato la filosofia della strategia. “Essere accanto all’imprenditore nella fase di pianificazione aiuta ad indirizzare al meglio decisioni e soluzioni alle problematiche”, racconta l’avvocato Campesi. Questa mutazione d’approccio deriva da un know-how acquisito grazie alla collaborazione con professionisti del settore, società di revisione contabile e profonda conoscenza della materia. La novità è proprio metodologica: Campesi è una forte sostenitrice di una attività legale che deve partire a monte e non al momento del bisogno, così come normalmente si potrebbe pensare quando si ha la necessita di un avvocato. Così facendo, si può prevenire una situazione di negatività con la massima efficacia.

"Un avvocato non può conoscere l’intera complessità delle materie che, ad esempio, una crisi aziendale comporta”, afferma l’avvocato Campesi. Che aggiunge: “È fondamentale la collaborazione con altri esperti nelle singole materie, come i notai, i consulenti del lavoro o un collega avvocato esperto in un particolare settore”. L’avvocato diventa stratega, offrendo all’imprenditore l’idea della pianificazione, suggerendo le mosse da compiere e il modo in cui affrontare gli ostacoli. Così facendo, può indirizzare al meglio gli investimenti societari e la gestione delle economie dell’impresa, facendo luce sulle singole azioni da compiere. Quello che in prima battuta poteva sembrare un affare può rivelarsi dannoso per l’intera attività: il compito dello stratega è di anticipare le negatività. “Il patrimonio aziendale è ciò a cui più tiene il titolare d’impresa — spiega l’avvocato Campesi —, un lavoro realizzato spesso nel corso di più generazioni. Un indebitamento importante può portare alla perdita di beni familiari e di capitali che si pensava fossero al sicuro”. La soluzione, anche a livello imprenditoriale, è la prevenzione, fatta di lavoro di squadra, analisi e monitoraggio approfondito della specificità aziendale.

 

Archiviato in