COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Dottor LidoPinna Oristano:la radiologia sempre più d’aiuto per accertamenti negli altri campi medici

Pagine Sì! SpA

La branca medica della radiologia sta acquisendo sempre più importanza nelle discipline della cura dei pazienti. Il dottor Pinna, specializzato in radiologia, responsabile degli ospedali di rete di Bosa e Ghilarza, spiega come la disciplina si sta trasformando non solo grazie all’avanzamento tecnologico ma anche come gestione del caso specifico. “Il futuro è lo specialista d’organo, ovvero un radiologo specializzato prevalentemente su specifiche sedi anatomiche”. Questa trasformazione comporterà vari cambiamenti, con sempre più attenzione per la figura dell’esperto nella materia. Ma non solo: anche la teleradiologia, già in uso anche in Sardegna, aiuta ad un risparmio economico e alla velocizzazione dei tempi. “Gli ospedali collegati in rete possono scambiarsi pareri sugli esami eseguiti a chilometri di distanza”, spiega Lido Pinna. “Se in un ospedale c’è carenza di radiologi, il tecnico radiologo presente può effettuare certi esami e inviarli ad un altro ospedale per la refertazione da parte dello specialista”.

Un lavoro di squadra che inciderà sulla salute dei pazienti, oltre che sulla rapidità dell’esame. Lido Pinna opera negli studi di Oristano e Cabras, visitando pazienti per patologie muscolo-scheletriche, addominali, patologie del collo e della mammella. L’utilizzo di un macchinario Toshiba di ultima generazione garantisce un impatto ulteriormente positivo sulla qualità dell’analisi, totalmente digitalizzata. Pinna collabora con le squadre di varie discipline sportive, e invita i suoi pazienti a praticare attività fisica per il mantenimento fisico. “Con le giuste dosi in base all’età, fare sport e movimento è fondamentale per il mantenimento muscolare, che tutela le articolazioni”. Il consiglio dello specialista: più movimento, meno sedentarietà e sana alimentazione sono le chiavi per star bene e prevenire le patologie tumorali che, grazie all’attività fisica, vengono contrastate con l’eliminazione dei radicali liberi.

Archiviato in