COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Impresa Pacucci: anche a Bari le adesioni al Registro Italiano Cremazioni

Pagine Sì! SpA

Onoranze Funebri Pacucci, una azienda nata nel 1966 e che oggi rappresenta uno dei punti di riferimento per chi intende onorare al meglio i propri defunti

Anche a Bari è possibile aderire al Registro Italiano Cremazioni per decidere (già in vita) di evitare la sepoltura. L’unica agenzia autorizzata a raccogliere tali adesioni nel capoluogo pugliese è l’impresa Pacucci.

E’ una alternativa al funerale tradizionale che raccoglie sempre maggiori consensi. Per il resto, nel settore delle onoranze funebri vige sempre di più la regola del “massimo risparmio”, con il rischio concreto di ottenere un servizio di bassa qualità.
Tutto questo accade in ogni angolo del paese e quindi anche a Bari, una grande città del sud dove sono decine gli operatori del settore.
La necessità di battere la concorrenza induce la maggior parte delle imprese a praticare prezzi incredibilmente bassi, con una conseguente gestione approssimativa dell’evento luttuoso.

Per fortuna, però, non tutti operano nell’ambito del segmento del massimo ribasso. Un esempio è costituito proprio dall’azienda I.O.F. Pacucci srl che a Bari ha due sedi e che viene seguita direttamente da Fabio Gigante.
Una lunga tradizione di famiglia, basata non solo sulla professionalità, ma anche sull’affidabilità del servizio reso e sulla umanità nei confronti di chi sta soffrendo per la perdita di un congiunto.
Il defunto, insomma, deve essere “onorato” e non semplicemente “smaltito”. Ecco perché è importante la cura dei particolari.

Purtroppo, soprattutto in casi di morte improvvisa, i parenti si affidano al primo che capita, mentre la scelta dell’impresa è fondamentale per superare tutti i problemi, anche di carattere burocratico, che vanno affrontati quando muore un congiunto.
Uno dei sistemi che funzionano meglio è quello del “passa parola” tra chi ha già vissuto un evento luttuoso, mentre la “rete” serve esclusivamente a risparmiare qualche centinaio di euro, a discapito della qualità del servizio reso.

Archiviato in