Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale FROOGS

Reggio Emilia caput mundi per l'innovazione

Unindustria Re, Storchi: 'A Reggio giovani da tutta Italia formati in tecnologia ed innovazione. Li occuperemo poi nelle nostre imprese'

FROOGS

Sempre all’avanguardia nello sviluppo industriale, già da diversi anni il territorio di Reggio Emilia ha avviato un percorso di forte avvicinamento alle nuove traiettorie dei settori dell’industria e dei servizi, nella direzione dell’innovazione tecnologica e della trasformazione digitale. Reggio Emilia si sta muovendo verso una forte crescita economica, trainata da un tessuto imprenditoriale che sempre di più punta sull’esportazione. A fare da guida a questo processo è Unindustria, che conta quasi 1.000 associati presso cui lavorano ogni giorno oltre 45mila addetti.

Fabio Storchi, alla guida degli industriali reggiani, anticipa alcune novità, tra cui un importante progetto di attrattività che ha l’obiettivo di rispondere alla forte richiesta di personale qualificato da parte delle imprese. A partire dal 2022, infatti, la provincia emiliana sarà protagonista di un percorso che coinvolgerà una rete di portatori di interesse pubblici e privati per selezionare, formare e avviare al lavoro migliaia di giovani provenienti dal resto d’Italia in diversi ambiti tecnologici. Un progetto ambizioso, i cui dettagli saranno forniti nel corso dei prossimi mesi, che vuole rispondere con coraggio e pragmatismo al forte bisogno di competenze del territorio reggiano. Data scientist, ICT manager, cyber security manager, programmatori informatici, sono tra le nuove professioni più richieste, che si affiancano a quelle tradizionali costantemente ricercate dalle imprese manifatturiere e dei servizi, di qualsiasi dimensione e settore merceologico.

Il mercato del lavoro del Nord Italia e quello reggiano in particolare, sono alla continua ricerca di figure professionali qualificate. 'Al Centro - Sud abbiamo i giovani, ma manca il lavoro: noi li facciamo venire al Nord, li formiamo e garantiamo loro occupazione e accoglienza', spiega Storchi a proposito del progetto che vede molti importanti protagonisti del sistema pubblico e privato riuniti insieme per raccogliere questa importante sfida. 'La sfida all'innovazione è partita - continua Storchi - le nostre aziende, come tutte le imprese italiane, per essere competitive, devono innovare in modo profondo e cosciente. Noi stiamo creando tutti i presupposti perché questo avvenga nel più breve tempo possibile, e nella maniera migliore. Partendo dal rendere consapevoli imprese ed imprenditori della necessaria evoluzione verso la digitalizzazione dei processi produttivi e non solo. Siamo stati i primi a far partire corsi universitari di marketing digitale e, nei prossimi anni, un percorso magistrale in ingegneria per l’industria digitale, così come un corso di laurea in data science. La nostra Università (UniMoRe), solo a Reggio Emilia, conta in totale 12mila iscritti'.

L'11 ottobre prossimo, alla presenza di Carlo Bonomi (presidente nazionale di Confindustria), sarà inaugurato il Digital automation lab, ulteriore tassello del distretto digitale voluto da Unindustria nel 2020, e che evolverà nei prossimi anni nel Parco Innovazione - ex Officine Reggiane. 'Sarà un laboratorio esperienziale, realizzato con una rete di partner di eccellenza, che consentirà alle imprese l’introduzione di tecnologie abilitanti all’interno dei processi produttivi e l’apertura di nuove frontiere di vantaggio competitivo, di produttività e di sostenibilità ambientale. Puntiamo ad essere un polo attrattivo per l’intero Paese, per la tecnologia e l’innovazione’, spiega Storchi.

Reggio Emilia è stata scelta anche come sede per una importante joint-venture sino-americana, Silk -Faw, che vedrà la nascita di un campus industriale per la realizzazione di supercar elettriche destinate al mercato cinese. 'L'investimento in questo caso è di 1,3 miliardi di euro; saranno impiegati oltre 1.000 collaboratori diretti e 2.500-3.000 indiretti nella filiera', conclude Storchi, ben consapevole dell'eccezionalità dell'accordo fra cinesi e americani, proprio in terra reggiana.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale FROOGS

Modifica consenso Cookie