COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Edilpeja, costruire in bioedilizia: dalla canapa alla terra cruda

Pagine Sì! SpA

Dall'innovativo cemento antismog TX-Active agli ecologi pannelli in canapa come isolante termoacustico, fino ai mattoni in terra cruda con i relativi intonaci in argilla, tecnologia primitiva attualizzata in chiave «green» legata all’ecocompatibilità e all'ecosostenibilità dei materiali edili, alla salubrità degli ambienti e all’economia circolare nell’utilizzo delle risorse. Non c'è commessa che strizzi l'occhio alla bioedilizia in Edilpeja, azienda edile di Peia, in provincia di Bergamo, specializzata in soluzioni progettuali e costruttive chiavi in mano per l'edilizia residenziale, civile e industriale.

«Come impresa edile - spiega l'amministratore unico Angelo Bertocchi - siamo sempre attenti alle nuove esigenze che i tempi richiedono come quelle della bioedilizia per una filosofia del costruire più sostenibile. Abbiamo quindi scelto di acquisire specializzazioni e competenze specifiche sulla bioedilizia per la progettazione e la costruzione di edifici “sostenibili” che riducono al massimo il loro impatto sull’ecosistema, usando tecnologie, tecniche e materiali che rispettano l’ambiente e puntano a migliorare la qualità della vita».

Coniugare la tradizione dell’artigianato edile con l’aggiornamento continuo e la costante ricerca di nuove soluzioni per un'edilizia innovativa è quindi all'ordine del giorno in Edilpeja: «Abbiamo diverse tecnologie e disposizione - sottolinea Bertocchi - a cominciare dai teli termotesi in Pvc per pareti e soffitti: elementi decorativi, estetici e tecnici, indicati per l'illuminazione degli ambienti. Inoltre, si stanno sempre più diffondendo le facciate ventilate, un sistema finalizzato a migliorare l’efficienza energetica e la qualità estetica-architettonica degli edifici. Le facciate ventilate garantiscono infatti un isolamento continuo in corrispondenza degli elementi strutturali: un sistema di pareti perimetrali distanziato dal paramento murario dell’edificio da un’intercapedine d’aria che dà luogo all’effetto "camino naturale"».

Archiviato in