Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Ilaria Dellacasa, Rapallo: in ginecologia si cerchi la qualità di vita delle donne, non solo la cura

Pagine Sì! SpA

E’ la nuova frontiera della medicina ginecologica: un approccio armonico e globale della paziente non solo per curare e prevenire i disturbi tipici dell’universo femminile ma per permettere alle donne una qualità di vita più elevata. “In ginecologia – conferma la dottoressa Ilaria Dellacasa che ha uno studio professionale a Rapallo, in provincia di Genova – negli ultimi anni non ci sono stati progressi medici rivoluzionari legati a nuove cure e tecnologie innovative. Il vero cambiamento, secondo me, è di mentalità verso le pazienti. Per molte donne, per fortuna, è ormai diventata un’abitudine effettuare una visita ginecologica annuale di controllo. Ma queste visite dovrebbero essere veri momenti di ascolto e di indagine approfondita per capire le diverse esigenze della donna, anche quelle più nascoste”.

La dottoressa Dellacasa racconta che è proprio grazie alle visite basate, oltre che su esami e diagnosi medica, soprattutto sull’ascolto e il dialogo che è venuta a conoscenza ed è riuscita ad intervenire su problemi che la donna  non considerava tali. “Ho avuto pazienti – spiega – che si sono presentate in studio lamentando un certo disturbo ma poi, parlando e approfondendo, mi hanno raccontato uno stato di depressione che non permetteva loro di vivere con serenità. Non sono aspetti di cui si parla facilmente, bisogna creare un ambiente accogliente, ma una volta che viene superato l’imbarazzo, ci si rende conto che molti problemi sono superabili”.

Sempre invitando a parlare di ogni argomento con serenità, si riescono a offrire importanti consigli su comportamenti e abitudini di igiene intima, utili nella quotidianità. ”Per fare un esempio – continua la dottoressa Dellacasa – ascoltando le pazienti, ho scoperto che numerose di loro utilizzano quotidianamente salvaslip per sentirsi più pulite e in ordine, cambiandolo ogni 4 o 5 ore. Ma in realtà l’uso del salvaslip può favorire le infezioni batteriche quindi lo sconsiglio sempre. Così come non è bene utilizzare detergenti intimi e creme che a volte sono molto reclamizzati ma non sono delicati. Anche di questi aspetti bisogna parlare con le pazienti, per migliorare la loro qualità di vita”.

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Modifica consenso Cookie