COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Comune di Genova

Verde cittadino e palme da salvare, gli interventi di Comune e Aster

Ufficio stampa Comune di Genova

Comune di Genova

Proseguono in maniera sempre più puntuali e organizzate le attività che il Comune di Genova e Aster svolgono quotidianamente per curare, difendere e valorizzare il verde del territorio.

Al lavoro di diserbo che sta interessando 1064 chilometri di strade principali e di crose, si aggiunge il nuovo progetto-pilota della durata di 24 mesi ideato per contrastare l’infestazione delle palme da parte del punteruolo rosso, provvedere alla ricostruzione paesaggistica ed analizzare i risultati ottenuti predisponendo linee guida utili anche ai soggetti privati. Questo progetto è stato sviluppato dal Settore Verde del Comune in sinergia con Aster spa con il contributo scientifico di Claudio Littardi e Carmelo Fruscione. Dei 1459 esemplari di proprietà pubblica, 365 saranno quelli sottoposti a trattamenti contro questo parassita propagatosi nell’area del Mediterraneo. Gli interventi riguardano Villa Pallavicini, i giardini Peragallo, piazza Ponchielli, Villa Imperiale, i parchi di Nervi, viale Teano, via Giannelli e viale delle Palme.

L’attività di diserbo è prevista in due fasi: a quella già avviata con oltre un mese di anticipo rispetto all’anno scorso, e che terminerà il 31 luglio, farà seguito dopo Ferragosto un ulteriore sfalcio che per la prima volta verrà realizzato nell’ambito dello stesso budget. Ciò è reso possibile da un attento lavoro di programmazione e pianificazione condiviso sin dall’inizio con l’amministrazione comunale e con i Municipi che potranno segnalare eventuali urgenze da inserire nell’ambito degli stessi programmi. Per gestire l’operazione, in Aster vengono utilizzate sia le competenze del Settore Verde, sia quelle del Settore Cartografia, riunite in un team di lavoro dedicato; tutta l’attività viene quotidianamente programmata e consuntivata con l’ausilio di supporti cartografici digitali.

«La scelta del Comune è stata quella di affidare ad Aster tutta l’attività di sfalcio del territorio per riunirla sotto un’unica competenza – spiega Paolo Fanghella, assessore ai lavori pubblici e alle manutenzioni. Aster ha fatto una programmazione molto attenta e trasparente suddividendo gli interventi per zone e con un cronoprogramma. A questo si aggiunge un attento monitoraggio. Per quanto riguarda la lotta al punteruolo rosso, abbiamo consultato tecnici specializzati che ci hanno fornito indicazioni molto precise e con cui è stato ideato il progetto pilota che abbiamo attivato».

Archiviato in