Press Release

L’Associazione Italiana Wedding Planner e i pilastri della formazione certificata

 © ANSA
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Non basta un sogno, occorre un progetto. Questa la fondamentale premessa con la quale l’Associazione Italiana Wedding Planner propone il suo progetto di formazione per i professionisti del settore Wedding. Pochi percorsi formativi che intendono accompagnare chi intraprende una nuova professione o aiutare a sviluppare le competenze e le abilità di chi è già nel settore. Si tratta di incontri full-immersion in grado non solo di porre solide basi nozionistiche, ma di approfondire l'aspetto pragmatico della professione, in un costante check delle capacità e competenze, con moduli “step by step”. “L’obiettivo finale – spiega Clara Trama, presidente dell’Associazione Italiana Wedding Planner - è quello di  far crescere nella professionalità e focalizzarsi in un percorso sempre più personalizzato, vivendo un' esperienza sartoriale della formazione”.

I corsi, che in questo periodo di emergenza sanitaria si svolgono online, prevedono un massimo di 10 partecipanti e rilasciano i crediti formativi necessari al conseguimento o al mantenimento della certificazione professionale come Wedding Planner o Destination Wedding Planner. Questi i temi : Become a Wedding Planner; Destination Wedding Planner masterclass;  Wedding coordinator - regia eventi;   Destination Wedding coordinator;   Lgbt  + weddings;  Brand identity e social media per Wedding Planner. “Questi sono i pilastri della nostra associazione – osserva Clara Trama - che partendo dalle basi costruisce altezze fin oltre i confini nazionali per preparare i professionisti sia nel settore nazionale che internazionale, grazie ad educatori che possano garantire capacità accademica correlata a presenza sul campo”.

“La formazione e l’informazione - afferma Gionata Russo, Docente e Destination Wedding Planner - sono in continua evoluzione; le necessità delle coppie continuano ad evolversi e così anche la nostra professione. I social media hanno rivoluzionato il modo in cui il matrimonio è visto dagli sposi, per cui anche il modo di formare i futuri professionisti del settore deve restare al passo coi tempi”. 

“Abbiamo costruito un processo difficile con la PdR 61:2019 – conclude Clara Trama – ossia la prassi di riferimento del settore, ma abbiamo dato una linea guida professionale reale e concreta per il professionista wedding planner e destination wedding planner. Un grazie oggi è rivolto a chi ha creduto sempre nell’associazione e nella prassi di riferimento accedendo alla certificazione della professione”.

 

Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi al sito www.associazioneitalianaweddingplanner.it/

 

Foto di: Jessica Mangia Photography

  • Pagine Sì! SpA
  • 05 febbraio 2021
  • 09:15

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie