• Avv. Francesco Simone: “Con l’affido condiviso dei minori anche il padre può crescere i suoi figli”
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Avv. Francesco Simone: “Con l’affido condiviso dei minori anche il padre può crescere i suoi figli”

Pagine Sì! SpA

Quando si parla di separazione e divorzio si pensa subito ai figli, che si trovano a dover affrontare un cambiamento non semplice. La tutela, infatti, deve interessare soprattutto loro, che non devono poter perdere il rapporto diretto con uno dei genitori, ma poter contare sulla presenza stabile del padre e della madre, figure cardine per la sua crescita.

Lo sa bene l’Avvocato Francesco Simone di Roma, che negli anni si è specializzato anche nel diritto di famiglia, permettendo a molti padri di poter partecipare attivamente alla crescita e formazione dei propri figli.

“Nella mia carriera nel ramo dell’avvocatura ho sempre rivolto una particolare attenzione a chi ha subito un torto giudiziario o non ha visto riconosciuto un proprio diritto. Proprio come nel campo della bigenitorialità, dove grazie alla legge 54/2006 è sancito il diritto del padre e della madre di mantenere un rapporto stabile con il minore. Questo è fondamentale per il benessere psicofisico del bambino, che si trova nella condizione di dover superare la ‘crisi’ della separazione e non può perdere la frequentazione di uno dei due genitori”.

Così l’Avvocato Francesco Simone, che sottolinea come adesso non si affida più il minore direttamente alla cura della madre, escludendo il padre dalla sua vita, ma è possibile mantenere un equilibrio tra le parti che permette anche di mantenere direttamente i figli senza dover cedere alcun assegno all’altro genitore.

“Con studio, aggiornamento e dedizione – continua l’avvocato Francesco Simone – sono riuscito a far attuare più volte la legge 54/2006, permettendo anche al padre di partecipare alla vita del figlio: inoltre grazie all’equilibrio previsto nella frequentazione di entrambe le figure genitoriali, ho potuto facilitare l’assegnazione del mantenimento diretto del minore da parte di ciascun genitore. Questo ha avuto molti risvolti positivi nella vita del bambino, che ha potuto così vedere ricomposta una pseudo-normalità antecedente al divorzio”.

Un’attenzione, la sua, frutto di un percorso professionale che lo ha portato ad avere una visione dell’avvocatura vicina e solidale con il cliente, che sappia dare un valore aggiunto alla società. Non a caso l’avvocato Simone, specializzato nel campo del diritto civile, ha voluto fortemente approfondire il diritto di famiglia, per offrire professionalità e competenza a genitori e figli.

“Sono in prima fila per i diritti del padre e più in generale di entrambi i genitori – conclude l’avvocato Simone – perché i bambini hanno bisogno di entrambe le figure per crescere al meglio”.  

Archiviato in


Modifica consenso Cookie