COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale ANCI Friuli Venezia Giulia

Emergenza Coronavirus: a Cividale al via la consegna del secondo lotto di 1920 mascherine

La distribuzione avverrà a domicilio da parte dei volontari della Protezione Civile

ANCI Friuli Venezia Giulia

Riprende oggi, a Cividale del Friuli, la distribuzione delle mascherine da parte del Gruppo Comunale della Protezione Civile. Le operazioni, iniziate col primo lotto di mascherine pervenute dalla Regione la settimana scorsa, “proseguiranno in questi giorni nella misura di 960 buste – 1920 mascherine – spiega il Sindaco Stefano Balloch – che verranno consegnate in alcune zone sensibili della città. Le operazioni dureranno qualche giorno e, mano a mano che arriveranno i successivi lotti, la distribuzione continuerà a favore di tutti i cittadini della città. Il monitoraggio della situazione assieme alla Protezione Civile Regionale è costante e, pertanto, chiediamo alle famiglie di avere fiducia nelle istituzioni e in chi sta lavorando 24 ore su 24 per la comunità”.

“Le mascherine sono due per ogni componente il nucleo familiare e vengono recapitate a domicilio dai Volontari della Protezione Civile che inseriscono le buste nelle cassette postali. Qualora ci fosse qualche necessità straordinaria, i cittadini possono contattare i servizi sociali al numero 0432710241”.

Lunedì prossimo, inoltre, la Giunta adotterà un atto di indirizzo per stabilire le modalità di utilizzo della somma destinata a misure urgenti di solidarietà alimentare di cui all’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile.

Oggi, infine, è stata firmata l’ordinanza con cui il Sindaco proroga fino al 13 aprile la sospensione temporanea del servizio di sosta a pagamento nelle strade cittadine sugli stalli delimitati dalle strisce blu e pertanto la sospensione temporanea dell’applicazione della tariffa per la sosta ( pagamento ticket ) in tutte le citate “aree blu“ (con conseguente slittamento di validità anche degli abbonamenti). “La decisione, concordata col Comando della Polizia Locale dell’UTI e con la SSM, nasce dalla necessità di dare attuazione a tutte le misure di restrizione sulla mobilità e spostamento delle persone fisiche – conclude il Sindaco – rendendo in tal modo più agevoli e più limitati (in termine temporale) i percorsi dei cittadini che devono approvvigionarsi degli alimenti e dei beni di prima necessità”.

Per aggiornamenti: sito web www.cividale.net, pagine fb culturacividale e protezionecivile.cividale

Archiviato in


Modifica consenso Cookie