COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Federico Vicino: business partner dei propri clienti, ecco il nuovo ruolo del commercialista

Affiancarsi all’imprenditore, capirne le problematiche, anticiparne le esigenze e dare suggerimenti utili perché l’imprenditore possa occuparsi della sua attività e liberarsi da altri pensieri, come quelli di natura fiscale. È questa l’evoluzione del commercialista, che diventa e un vero e proprio “socio in affari” dei propri clienti. Sono decine gli adempimenti fiscali e tributari che imprese e professionisti devono compiere per essere in regola e sono sempre di più quelli che vivono questi adempimenti come una problematica. Ma con una corretta pianificazione fiscale e finanziaria si può risparmiare ed aumentare l’efficienza della propria attività. “Oggi il ruolo del commercialista non è solo quello di contabile, ma deve diventare un vero e proprio business partner, capace di improntare una pianificazione fiscale e finanziaria – spiega Federico Vicino, Dottore Commercialista di Catania – Grazie a questi strumenti non solo si può ridurre al minimo il carico delle imposte dovute ma anche generare maggiori risorse economiche e gestire l’attività istituendo un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alle dimensioni dell’impresa o dello studio professionale”.

Uno dei problemi principali delle imprese oggi, come sottolinea Vicino, è quello di non badare ai propri numeri e di non avere dei cruscotti di controllo che permettano di vedere in tempo reale in che direzione sta andando l’attività. “Il business partner verifica tramite il conto economico se l’impresa è in buone condizioni per poi accertarsi che il risultato positivo economico abbia prodotto anche un risultato positivo finanziario ed avvertire l’imprenditore laddove ci sia uno squilibrio – evidenzia Federico – In questo senso sono utili report trimestrali che tengano sotto controllo l’andamento dell’attività economica”.

“Nel settore delle farmacie private, ad esempio, veicolando sugli utenti i servizi e i prodotti con più alta marginalità e incasso immediato rispetto ad i rimborsi SSN si può recuperare tra il 15 e il 20% in termini di profitto annuale e maggiore liquidità – spiega Vicino”

Compito del business partner è anche quello della consulenza dal punto di vista giuridico. “La scelta dell’assetto societario più adeguato – commenta Vicino – e l’adozione degli strumenti giuridici disponibili vanno pensati sulla base delle caratteristiche di ogni impresa, come un abito di alta sartoria, questi devono essere ‘cuciti su misura’ e in questo modo le aziende possono beneficiare della maggiore liquidità generata che, altrimenti, sarebbe assorbita quasi interamente dalle pretese erariali”.

www.fiscoebilancio.com

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie