Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale HC GLOBAL S.R.L.

Trapianto Capelli e Protocollo Rigenerativo bSBS.

Trapianto Capelli 2023, è più un mito o un vero miraggio? Eseguire il 1°, 2° o 3° Trapianto Capelli pensando di risolvere l’Alopecia, è un grande errore da evitare.

HC GLOBAL S.R.L.

Il Trapianto Capelli non può risolvere il Diradamento, la Calvizie e Alopecia. Per farlo serve un'azione completa, multidisciplinare, in grado di avvolgere la patologia nella sua totalità, complessità e unicità.

Trapianto Capelli più un mito o un miraggio?

Per chi soffre di Calvizie, il Trapianto Capelli è una soluzione chirurgica che viene adottata in maniera assai diffusa. In passato era definito come “la cura della Calvizie” ma in oggi sappiamo che era un’affermazione completamente distorta ed errata.

Permette di raggiungere l’obiettivo di riavere una folta chioma, ma se non si agisce in modo corretto non garantisce una soluzione completa e duratura.

Infatti, la maggior parte di coloro che si sottopongono al Trapianto Capelli, senza lavorare sulle cause e concause della propria Calvizie, solitamente sono “costretti” a eseguirlo più volte: non a caso, può capitare di incontrare persone che hanno dovuto eseguire fino a 5 Trapianti negli ultimi 6/8 anni. 

Ciò accade, non perché il Trapianto Capelli non funzioni, ma perché questo genere di rimedio non è supportato da una cura selettiva e Multidisciplinare, applicata all Medicina Rigenerativa Inclusiva, che vede la sua massima espressione nel Protocollo Terapeutico bSBS.

 

Trapianto Capelli quandonon è una soluzione idonea?

Uno dei concetti più condivisi dai professioni di tutto il mondo, è che il Trapianto di Capelli non basta.

Se fine a se stesso il Trapianto copre un problema, solitamente per un tempo determinato, ma di certo non può curarlo alla base. Di fatto, a distanza di circa 18 mesi la quasi totalità dei Pazienti è soddisfatto dei risultati ottenuti, i problemi si manifestano dopo circa 2 anni dall’intervento.

Trapianto Capelli, in molti casi si può evitare, in altri si deve evitare. Pensare di curare l’Alopecia con il Trapianto Capelli è lontano dalla realtà e quantomeno anacronistico.

Chi soffre di diradamento e assottigliamento dei capelli, situazioni non idonee all’esecuzione di un Trapianto Capelli, gli effetti indesiderati si possono presentare già a partire dal primo anno post l’intervento.

In secondo luogo bisogna evitare il cosiddetto shock-loss, uno dei principali “effetti collaterali” del Trapianto Capelli. Lo shock-loss è causato dal traumatismo subito dai follicoli nativi, sofferenti e danneggiati, presenti nelle zone diradate. Proprio questi follicoli, non avendo la forza di resistere al traumatismo dovuto agli innesti del trapianto, vanno incontro ad una caduta accelerata.

La somma di questi fattori si traduce in risultati estetici approssimativi e innaturali, le varie zone della cute presentano anche differenti densità e qualità dei capelli. I follicoli trapiantati hanno capelli più evidenti e più spessi rispetto ai capelli nativi più fini e ancora presenti nelle zone diradate.

 

Eseguire il primo Trapianto di Capelli o ripetere l'intervento più volte, senza aver creato vere basi di salute dell'ambiente follicolare, non è una strategia vincente.

La ricerca scientifica ha spiegato il perchè molte persone perdono gran parte dei Follicoli trapiantati. Si chiama Prostaglandina D2 ed è ritenuta la causa più incisiva della Calvizie, colpisce come il DHT, ma non è il DHT e non la elimini con i farmaci anti-androgeni conosciuti.

La PGD2 crea un’infiammazione deleteria per tutti i follicoli piliferi ed è presente in modo significativo dalla linea frontale al vertex, proprio le aree dove si manifesta l’Alopecia Androgenetica. Su questi follicoli il danno creato dalla PDG2 è molto simile al DHT, assottigliamento, processo di miniaturizzazione con effetti secondari come dermatite, eccesso di sebo e a volte prurito.

L’infiammazione causata dalla Prostaglandina PGD2 è deleteria per tutti gli organi interessati, compresi i follicoli piliferi autotrapiantati, sui quali può causare gravi effetti di miniaturizzazione capillare e atrofia.

 

Trapianto Capelli e Area Donatrice, zona nella quale si trovano i follicoli da prelevare, non è infinita.

Fa parte dei 5 perchè il Trapianto di Capelli non è una soluzione completa e non può curare la calvizie.

1 | Il trapianto copre un problema senza risolverlo.

2 | Conosci l’effetto Shock-Loss post trapianto.

3 | Risultato disarmonico dovuto alla differente qualità tra i capelli nativi e quelli trapiantati.

4 | Se non blocchi l’infiammazione è inutile eseguire un Trapianto.

5 | La tua zona donatrice non è infinita e va rispettata.

Proprio quest'ultima, la cosiddetta zona donatrice, è l’area nella quale vengono asportati i follicoli durante il Trapianto, successivamente questi ultimi vengono impiantati nell’area ricevente colpita da Calvizie.

È opportuno sottolineare che i capelli prelevati da questa zona non ricresceranno più! Appare quindi evidente come, reiterare questa pratica, non sia una soluzione strategica che può essere portata avanti nel medio o lungo periodo, al contrario amplifica la possibilità di riscontrare effetti collaterali di natura estetica e psicologica.

Sono moltissime le persone che, a causa di più Trapianti o di maxi sessioni, hanno deturpato la zona donatrice a tal punto da rendere impossibile un nuovo intervento di recupero e come conseguenza paradossale hanno creato un diradamento nella zona donatrice.

 

Curare l'Alopecia e raggiungere una soluzione completa, oggi si può.

La Terapia Inclusiva Multidisciplinare bSBS, rappresenta l’approccio d’eccellenza nella cura della Calvizie, i benefici vanno oltre quelli del solo Trapianto Capelli.

Sfrutta un Protocollo di Medicina Rigenerativa che assembla più di 16 tecnologie impostate sull’unicità della Calvizie del Paziente a seguito di una Analisi Avanzata composta dal profilo Genomica e Epigenomico, dall’Analisi della Membrana Cellulare e dall’Analisi morfologia digitale.

Le 5 Fasi che compongo il Protocollo bSBS vengono eseguite in una sola Sessione di circa 2 ore,  non chirurgia e non invasiva, coadiuvata da una Fase Auxologica Follicolare personalizzata, rappresenta l'elemento chiave per evitare in molti casi il Trapianto Capelli e in altri potenziarne gli esiti estetici e la durata nel tempo.

Sui follicoli ricettivi i benefici sono evidenti dopo circa 6/8 mesi, forniscono una potente azione antinfiammatoria di contrasto alla Prostaglandina PGD2, ritenuta la causa reale della Calvizie. 

 

Benefici e risultati del Protocollo di Medicina Rigenerativa Inclusiva bSBS.

Nell’Alopecia Areata, dove il Trapianto di Capelli non è assolutamente indicato, punta a liberare la cute dall’infiammazione e consente un recupero delle più significativo e stabile delle aree affette.

Esprime il massimo potenziale nel diradamento, nella Calvizie localizzata o diffusa come l’Alopecia Androgenetica, situazioni che riguardano oltre il 93% dei pazienti trattati. Proprio in questi casi specifici il Trapianto di Capelli è ritenuto deleterio, può creare un danno conosciuto come shock-loss,

Nei casi di Calvizie avanzata, i risultati clinici stabili promossi dal Protocollo Inclusivo permettono di valutare ed eventualmente eseguire un Trapianto di Capelli di alto valore estetico, naturale e duraturo nel tempo. In queste situazioni la combo Trapianto Capelli in fase2 e Protocollo Rigenerativo bSBS in fase1, rappresentano l'azione perfetta.

Uno dei principali risultati del Protocollo bSBS è promuovere il blocco l’invecchiamento follicolare precoce che causa la caduta eccessiva, promuove l’inversione della miniaturizzazione dei capelli, aumenta la densità visiva e favorisce la massima rigenerazione cellulare e ricrescita follicolare autologa. Benefici irraggiungibili con il Trapianto di Capelli.

Il Protocollo bSBS è privo di controindicazioni ed effetti collaterali, è indolore, non c’è taglio dei capelli e consente una ripresa immediata alla vita sociale e sportiva, anche agonistica.

Situazioni che riguardano oltre il 93% di Pazienti trattati in HairClinic >

 


"L’intera Terapia Inclusiva è senza chirurgia, indolore, in assenza di effetti collaterali e consente un’immediata ripresa lavorativa, sportiva e sociale."
 

 

Guarda il video >

Testimonial >

Risultati >

 


Dott. Mauro Conti
Direttore Scientifico HairClinic Italia
 

Numero Verde 800168668

Contattaci su Whatsapp

HairClinic.it
 

HairClinic Italia, con sede operativa a Milano, è una società Bio-Medicale leader internazionale nella Medicina Rigenerativa applicata alla cura della Calvizie. I numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui LeFonti Awards con il patrocinio della Commissione Europea, assegnano ad HairClinic il premio come Eccellenza nell’approccio terapeutico e certificano la qualità dei servizi offerti dal team capitanato dal Dott. Mauro Conti (Direttore Scientifico), divulgatore internazionale e presidente dell’ONC Osservatorio Nazionale della Calvizie.

Nature.com

 

MPDI.com

 

 

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale HC GLOBAL S.R.L.

Modifica consenso Cookie