Press Release

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Lifting facciale,dottor Ivan Arruda:“Ringiovanire senza alterare la fisionomia del viso, ora si può”

Pagine Sì! SpA

Intervenire sul viso con lifting ringiovanenti senza stravolgere la fisionomia del paziente. Volti deformati e pelle tesa al punto da rendere irriconoscibile una persona, lasciano il posto a visi naturali e semplicemente più giovani. Il segreto è nelle nuove tecniche delle chirurgie di ringiovanimento facciale, applicate ancora da un numero ridotto di medici. Tra loro c’è il dottor Ivan Arruda, chirurgo plastico che esercita a Milano nel proprio studio e in diverse cliniche. “Si tratta di un approccio totalmente diverso: con l’intervento si vanno riposizionare i muscoli del viso nella loro sede originaria per poi eliminare solo la pelle in eccesso” spiega il medico, sottolineando le differenze rispetto alla procedura comune che prevede semplicemente di ‘tirare’ quanto più possibile la pelle.  

Di fatto si agisce sulle conseguenze dell’invecchiamento: la discesa verso il basso dei muscoli facciali e la perdita di elasticità della pelle. “Riusciamo a togliere anni senza modificare la fisionomia del paziente che appare semplicemente più giovane – spiega il Dr Arruda – E i benefici non si perdono nel tempo”. Il processo di invecchiamento, infatti, continuerà ma il vantaggio acquisito resterà inalterato. La certezza di non vedere il proprio volto cambiare in modo innaturale dopo l’operazione spinge a pensare in anticipo al lifting facciale. Se prima ci si avvicinava a questo tipo di trattamento intorno ai 70 anni, oggi lo si fa già intorno ai 45 o 50 anni “con risultati migliori dal momento che una pelle più giovane è più elastica” aggiunge Arruda. Tutto in linea con una visione diversa della chirurgia plastica, che non punta a ringiovanire a tutti i costi, ma a realizzare visi coerenti con l’aspetto della persona per valorizzarne la bellezza naturale. L’abilità del medico, così, si esalta nell’intervenire senza alterarne lineamenti ed espressività, con un imperativo: “Si opera solo nel caso in cui l’intervento possa migliorare la vita del paziente”.

Scopri di più su www.ivanarruda.com

COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Modifica consenso Cookie