COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Dr Pierfrancesco Bove: “Più di un milione gli interventi di chirurgia estetica in Italia ogni anno"

Pagine Sì! SpA

Liposuzione, Mastoplastica Additiva, Blefaroplastica, Rinosettoplastica. Sono più di 1 milione all’anno gli interventi di chirurgia estetica in Italia, senza considerare quelli di altri medici, come dentisti, dermatologi e otorini.

Le ragioni per cui donne e uomini ricorrono a questi interventi sono svariate: psicologiche, estetiche, per migliorare la qualità della vita e la propria autostima.

“L’intervento più richiesto in assoluto dalle donne – precisa il Dr Pierfrancesco Bove, Chirurgo Estetico che opera a Roma, Milano, Napoli, Salerno e Lecce – è l’aumento volumetto del seno, cioè la Mastoplastica Additiva, mentre per gli uomini e la Rinoplastica o la Rinosettoplastica”.

Esiste anche la medicina estetica, un trend in forte crescita nonostante la crisi: “In netto rilancio – aggiunge – è il Rinofiller, oltre che il Botox e la Gluteoplastica”. Tutti interventi che però non devono snaturare l’immagine delle persone, ma avere l’obiettivo di esaltare la loro bellezza naturale.

“La chirurgia estetica ‘datata’ teneva a che il risultato si notasse. Erano tempi in cui queste operazioni le facevano solo chi se le poteva permettere a livello economico. Fortunatamente oggi la medicina estetica è una cosa diversa: si tende soprattutto a restare in un ambito di completa naturalezza. Si tende molto di più a personalizzare l’intervento: gli interventi giusti su quel volto specifico”.

Ma come si sceglie un buon chirurgo estetico?  Primo suggerimento: scegliere chi esalta la bellezza della persona camuffando quelli che sono piccoli difetti. Il risultato è che spesso si arriva anche a trasformare quei difetti in veri e propri punti di forza. Secondo suggerimento: informarsi sulla sua attività e sugli interventi fatti. In Italia non esiste una specializzazione in medicina estetica, per questo bisogna fare ancora più attenzione nella scelta e partire sempre dalle proprie esigenze creando subito un buon feeling con il chirurgo.

“Guardare il medico, conoscerlo, informarsi sul percorso di studi fatto e sui lavori eseguiti. Poi c’è il feeling tra paziente e chirurgo. Anche internet e i social aiutano, ma anche qui possono nascondersi delusioni spiacevoli. Affidarsi ai professionisti seri, magari aderenti alle associazioni di chirurgia plastica o di medicina estetica, aiuta molto nella scelta giusta”.

Importante è che, anche se si parla di estetica, la salute deve essere sempre al primo piano.

Pierfrancesco Bove: "La chirurgia estetica deve esaltare la bellezza senza snaturare l'immagine"

Archiviato in


Modifica consenso Cookie