PMI

  1. ANSA.it
  2. Pianeta Camere (di commercio)
  3. Camere Commercio: Marche, 9.783 imprese 'economia blu'

Camere Commercio: Marche, 9.783 imprese 'economia blu'

Report "Economia del Mare e Green Deal", ristorazione e alloggi

(ANSA) - ANCONA, 20 MAG - Sono 9.783 le imprese attiva al 31 dicembre scorso nel settore turistico degli alloggi e della ristorazione. Suddividendo il dato per Province: Ancona ne conta 2.678, seguita da Pesaro Urbino con 2.571, al terzo posto Macerata con 1.820, quindi Ascoli Piceno con 1.684 e Fermo con 1.030. E' quanto emerge dal nuovo report "Economia del Mare e Green Deal" del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal, realizzato in collaborazione con il Centro Studi delle Camere di commercio G. Tagliacarne, presentato il 19 maggio, giornata centrale di Tipicità in blu dal presidente di Camera Marche, Gino Sabatini.
    Osservando la distribuzione dei dati per ripartizione geografica è il Mezzogiorno del Paese a detenere la quota più elevata di valore aggiunto attivato dall'economia del mare. Con una incidenza della ricchezza prodotta dalla filiera del mare sul totale economia pari al 10,5%, si colloca al secondo posto il Centro, Marche comprese, (36,4 miliardi di euro, +2,0% sul 2018). Se il Centro Italia incide per il 21,6% sul totale economia e per il 21,5% dell'occupazione italiana, rispetto al contributo dato in termini di Blue Economy, i valori salgono al 26,8% del valore aggiunto e al 25,6% dell'occupazione.
    In tema di lavoro Sabatini ha fatto propria una richiesta del ministro Garavaglia incontrato ieri a Roma: "Per ritrovare i lavoratori che mancano al comparto turistico, secondo lo studio Excelsior nel turismo sono previsti 13mila contratti entro luglio e si fa i conti con la carenza di candidati scoraggiati dalla prospettiva di perdere il reddito di cittadinanza, la proposta è agganciare la misura di sostegno ai contratti stagionali, così che chi accetti di fare la stagione turistica comunque si veda riconosciuto il reddito di cittadinanza al 50%".
    Infine, Sabatini ha annunciato per giugno 2023 un appuntamento già immaginato prima della pandemia e poi rimandato per lo stop imposto dall'emergenza sanitaria. "Sarà un grande evento dedicato alla subfornitura nautica che metterà al centro Ancona e le Marche, una piattaforma in cui faremo convergere gli imprenditori non solo della cantieristica e dei settori legati all'economia del mare, ma anche di tessile, moda, pelletteria e legno nel segno dell'innovazione tecnologica e della collaborazione transfrontaliera". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie