Export: Marche +3,3% in primi 3 mesi, preoccupa calzaturiero

Bene Francia (+13,4), secondo mercato per Made in Marche, e Eau

(ANSA) - ANCONA, 10 GIU - L'export delle Marche è cresciuto del 3,3% nel primo trimestre 2021 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, sfiorando i 2,9 miliardi di euro di valore complessivo. Dato superiore alla media italiana, secondo l'Istat, che lo attesta al 2,6%. "È una performance senza dubbio incoraggiante visto che si riferisce ai mesi in cui eravamo in piena pandemia e sulla quale cominciare a costruire la piena ripresa", ha dichiarato Gino Sabatini, presidente della Camera di Commercio delle Marche. Avvalora l'importanza della crescita delle esportazioni del primo trimestre 2021 la considerazione che lo stesso periodo dello scorso anno, su cui misurata la crescita, era un trimestre pre pandemico Comunque "continua a preoccupare la frenata registrata nel Fermano", che nel periodo gennaio-marzo di quest'anno ha visto i fatturati esteri contrarsi del 12,5%, performance ancora più negativa rispetto a quella registrata tra gennaio e marzo del 2020 (-11,5%). I flussi in uscita del settore tessile-abbigliamento-calzatura si sono ridotti dell'11,3% (-58 milioni nel trimestre), mentre sono in crescita tutti i comparti della metalmeccanica (+27%), con la produzione di macchinari che si conferma il settore con la maggior vocazione all'estero (+20,8%), quelli del mobile-arredamento (+12,4%), dell'agroalimentare (+9,6%) e dei prodotti chimici (+40%). Veri e propri exploit per la nautica e il farmaceutico che passano da 14 a 53 milioni di fatturato per l'export. La Germania continua a essere il primo mercato di riferimento con 342,4 milioni nel trimestre considerato (-2,2%); segni meno anche per Belgio (-17,3%), che comunque resta al terzo posto tra i paesi target, e per il Regno Unito (-12,3%), settimo riferimento.
    Significativa però la performance in Francia, dove il made in Marche ha chiuso il trimestre con fatturato di 315 milioni (+13,4%), quello transalpino è il secondo mercato di sbocco per l'economia regionale. Molto positivi anche i risultati commerciali negli Stati Uniti (+5,3%, a quota 228,4 milioni), Spagna (+7,1%, 147,4 milioni) e Polonia (+7,7%, 128,2 milioni).
    Va segnalata anche la leggera ripresa del mercato russo, +2,2%.
    Tra i Paesi emergenti, la Cina è diventato il nono cliente più importante (+22,9% a quota 65,6 milioni), "a confermare che si tratta di un mercato che è ripartito e sul quale, con tutte le necessarie cautele, le Marche possono crescere ulteriormente", ha sottolineato Sabatini. Alla vigilia dell'Expo di Dubai (ottobre 2021), l'export marchigiano verso gli Emirati Arabi Uniti è cresciuto dell'84,6% e quello verso l'Arabia Saudita del 34%. Secondo l'assessore allo Sviluppo economico della Regione Marche Mirco Carloni, "i dati pubblicati dall'Istat sono incoraggianti. Vogliamo rapidamente favorire la crescita sui mercati esteri delle nostre aziende con politiche sistemiche di sostegno. La mappa dei settori maggiormente colpiti come il calzaturificio sono al centro della nostra strategia che coinvolgerà le imprese, in primis, ma soprattutto le istituzioni come Ice, Camera di Commercio e le sue Aziende Speciali".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie