Unioncamere, in Romagna perdita di occupazione del 2,5%

Dati Prometeia, perdita valore aggiunto del 10,3%

(ANSA) - FORLÌ, 21 OTT - In base agli ultimi "Scenari per le economie locali" elaborati dal sistema camerale regionale su dati Prometeia (ottobre 2020) la diminuzione del valore aggiunto (a valori reali) della Romagna Forlì-Cesena e Rimini, nell'intero 2020, dovrebbe attestarsi attorno al 10,3% (-10,0% Emilia-Romagna, -9,8% Italia).
    La contrazione del valore aggiunto del territorio riguarda tutti i principali macrosettori: Industria (-13,5%), Costruzioni (-10,5%), Servizi (-9,9%). L'export è previsto in calo del 17,6% (-11,5% Emilia-Romagna, -12,6% Italia). Il reddito disponibile delle famiglie è previsto in diminuzione del 3,8% (Emilia-Romagna -3,8%, Italia -3,1%).
    Per l'anno in corso, sul fronte del mercato del lavoro si prevede una contrazione del livello degli occupati pari al -2,5%, un tasso di occupazione del 44,3% (presidiati dagli ammortizzatori sociali) e un tasso di disoccupazione del 7,3% (che è previsto passare all'8,1% nel 2021).
    Per il 2021 le previsioni indicano un parziale recupero della ricchezza prodotta (+6,5%), analogamente al trend regionale (+7,1%) e nazionale (+6,3%).
    "Ancora una volta la crisi colpisce tutti i settori e tutte le tipologie di imprese - commenta il presidente della camera di commercio della Romagna, Alberto Zambianchi - ma si presenta più profonda per le piccole imprese, per i territori a vocazione turistica e per quelli con una più forte presenza di imprese artigiane ed "export-oriented". I nostri territori stanno però dimostrando una buona di resilienza e ci avvantaggia essere situati in Emilia-Romagna, una delle regioni che trainano abitualmente lo sviluppo dell'intero paese". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie