Mai così poche imprese attive in E-R, sotto 400mila a giugno

Unioncamere, quasi tremila in meno rispetto a un anno fa

(ANSA) - BOLOGNA, 07 AGO - Mai così poche imprese attive in Emilia-Romagna: a fine giugno erano sotto quota 400mila (398.315 per la precisione) quasi tremila in meno (2.911 unità, -0,7%) rispetto al termine dello stesso trimestre dello scorso anno. È quanto emerge dall'analisi di Unioncamere regionale dei dati del Registro imprese delle Camere di commercio, che evidenziano un crollo di iscrizioni ma anche di cessazioni.
    La riduzione più ampia è delle imprese del commercio (-1.691), segue quella dell'agricoltura (-1.069), ben più staccate le perdite nella manifattura, nel trasporto e magazzinaggio e nell'alloggio e ristorazione. Il complesso dei servizi contiene la flessione (-0,5%) e dal suo interno giungono gli unici segnali positivi, in particolare dall'immobiliare e dai servizi di supporto alle imprese.
    Per ora, spiegano gli analisti, "gli effetti della pandemia appaiono macroscopicamente evidenti solo se si esaminano separatamente i flussi dell'anagrafe delle imprese, ma non ancora nei saldi. Rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, le iscrizioni sono crollate (3.880), ma la caduta delle cessazioni è stata più rilevante (2.737), entrambe fissano un nuovo minimo assoluto. Per questa ragione la nati-mortalità è risultata positiva, ma il saldo si è ulteriormente ridotto".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie