Unioncamere, crescita rallenta ma E-R resta in testa regioni

Pil atteso in crescita 0,5% nel 2019, disoccupazione al 5,2%

(ANSA) - BOLOGNA, 14 OTT - Pur frenando rispetto alle stime stilate nei mesi scorsi, l'Emilia-Romagna - per capacità di crescita - "continua a essere al vertice nella graduatoria di tutte le regioni italiane nel 2019 e lo sarà anche nel 2020. E' quanto emerge da una analisi condotta dall'ufficio studi dell'Unioncamere regionale sull'edizione di ottobre degli scenari per le economie locali di Prometeia.
    Nel 2019, viene evidenziato, il prodotto interno lordo emiliano-romagnolo dovrebbe rallentare allo 0,5%, rispetto allo 0,6% previsto lo scorso luglio per poi rafforzarsi nel corso del 2020, facendo segnare un incremento dell'1,1%.
    A giudizio di Unioncamere Emilia-Romagna malgrado "il rallentamento, la crescita resta diffusa in tutti i settori": l'industria, nel 2019, è attesa a salire dello 0,3% e dell'1,7% nel 2020; la ripresa sarà minore nei servizi (+0,3% nel 2019 e +0,7% nel 2020) mentre è stimata accelerare nelle costruzioni, per poi stabilizzarsi (+3,9% nel 2019 e +2,9% nel 2020). Quanto al mercato del lavoro, la crescita degli occupati registrerà il 2% nel 2019 mentre la disoccupazione si attesterà al 5,2% nel 2019 e al 5% nel 2020.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni