Dal 18 al 20 ottobre torna Maker Faire Rome

Progetto su relazione arte contemporanea e nuove tecnologie

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Si chiama MakerArt ed è una delle principali novità della prossima "Maker Faire Rome - The European Edition" (https://2019.makerfairerome.eu) in programma nella Capitale dal 18 al 20 ottobre 2019.
    MakerArt è un progetto che vuole indagare la relazione tra arte contemporanea e nuove tecnologie, attraverso la creazione di percorsi sinergici e integrati tra maker e artisti internazionali selezionati .
    L'obiettivo è la realizzazione di una vera e propria mostra di installazioni interattive all'interno della manifestazione, in grado coinvolgere il pubblico presente e di rappresentare i tanti e diversi modi di interpretare la cultura dell'innovazione tecnologica.
    Oltre a grandi installazioni di intelligenza artificiale, robotica, sound art, videoarte, la sezione prevede dei "pop up art", ovvero degli happening in grado di "spiazzare" continuamente lo spettatore nel suo percorso. Per la prima volta in Italia, gli artisti avranno la possibilità di collaborare con le aziende del settore tecnologico creando un vero connubio tra arte, scienza e innovazione tecnologica. Saranno presenti artisti di fama internazionale come Bill Vorn, canadese, uno dei massimi esponenti della Robotic Art con il suo "Copacabana", una danza di robot; Patrick Tresset (Francia) che utilizza piccoli bracci robotici per fare dei ritratti sempre diversi degli spettatori; Mattia Casalegno, video artist napoletano di nascita ma newyorkese da sempre, curatore di uno spazio espositivo no profit chiamato Room Service, dedicato a site-specific projects e new media (foto allegata), i Cod.Act, collettivo francese di fama internazionale che porteranno il loro πTon, una gigantesca spirale sonora e Joaquin Fargas, argentino di fama internazionale, che integra arte, scienza e tecnologia nella sua variegata e produzione artistica. La sua opera si basa sia su proposte di concetti utopici, sia su progetti realizzabili collegati a temi universali quali la vita umana, la salvaguardia dell'ambiente, le relazioni sociali, stimolando con le sue creazioni artistiche interrogativi e riflessioni che riguardano ognuno di noi e il mondo che ci circonda. Tutto questo e molto altro sarà possibile "sperimentarlo" alla prossima Maker Faire Rome, giunta alla sua settima edizione, che si svolgerà alla Fiera di Roma. L'evento europeo più importante dedicato all'innovazione tecnologica, raccontata in modo semplice e informale, è organizzato dalla Camera di Commercio di Roma.
    La "Maker Faire Rome - The European Edition" si avvale della preziosa collaborazione di partner istituzionali quali l'ITA (Italian Trade Agency) Agenzia ICE, Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane. In particolare, il sostegno dell'Agenzia si inserisce nel quadro di un più ampio supporto del Ministero dello Sviluppo Economico a iniziative in favore della competitività e dell'innovazione.
    Sull'ampio fronte dell'education, poi, la Maker Faire può contare, da anni, sulla consolidata collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (Miur) con cui vengono realizzate le Call for Schools e Universities e l'Educational Day a cui partecipano migliaia di studenti accompagnati dai rispettivi professori.
    Tra i partner istituzionali, anche quest'anno, sarà presente la Regione Lazio che, insieme a Maker Faire Rome, attiverà una serie di corsi mirati per aiutare le imprese a migliorare i propri processi produttivi grazie al supporto delle tecnologie 4.0. La Regione, inoltre, metterà a disposizione il proprio spazio espositivo all'interno della Fiera per mettere in mostra il meglio dell'innovazione del nostro territorio.
    "Maker Faire Rome - spiega Lorenzo Tagliavanti, Presidente della Camera di Commercio di Roma - è una piattaforma consolidata, è il luogo dove la Scienza si incontra con l'innovazione che viene dal basso e dove si fa anche formazione, networking e business e si pone, dunque, come acceleratore del processo di innovazione per tutta l'Europa. L'evento si evolve anche grazie al frutto del lavoro di co-creazione che stiamo portando avanti, costantemente, con imprese, professionisti e le tante Istituzioni che ci supportano. La novità della MakerArt è la testimonianza di come l'arte contemporanea si confronti, sempre di più, con la scienza e le tecnologie sperimentando nuove forme e contenuti e non è un caso - conclude Tagliavanti - il moltiplicarsi di bandi europei che promuovono l'innovazione per industrie e Pmi sfruttando le arti".
    Nel corso degli anni diversi sono stati i partner istituzionali che hanno supportato e supportano la manifestazione attraverso patrocini, sostegno all'organizzazione e collaborazioni a vario titolo, tra questi: Commissione Europea, Presidenza del Consiglio dei Ministri, MISE, MIUR, Ministero dell'Ambiente, Regione Lazio, Regione Campania, Regione Veneto, Ambasciata Americana, Italia Lavoro, AGID, Unioncamere e Roma Capitale.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni