Agroalimentare: Marchet,400 incontri B2B con importatori

78 aziende marchigiane del food e 13 importatori e distributori

(ANSA) - ANCONA, 18 GIU - Un'iniziativa per promuovere il mercato dell'agroalimentare delle Marche. E' quella realizzata da Marchet, azienda speciale della Camera di Commercio di Ancona, che ha organizzato un evento in due giornate nel capoluogo marchigiano e a Fermo con 400 incontri B2B per il settore. La presentazione, realizzata in collaborazione con la Camera di Commercio di Fermo, fa parte del progetto "True Italian Taste Europe", coordinato da Assocamerestero, che coinvolge anche i mercati extra Ue di Usa, Canada e Messico per contrastare gli effetti dell'Italian sounding. Un fenomeno, legato all'imitazione dei prodotti italiani, che alimenta un giro d'affari di circa 54 miliardi di euro. Agli incontri B2B partecipano 78 aziende marchigiane del food e 13 importatori e distributori esteri che arrivano da Belgio, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito, Spagna, Svizzera, specializzati nelle filiere del retail, ingrosso, e-commerce per prodotti di media e alta gamma. "Questo incoming, che per numero di incontri personalizzati, è il più grande per il settore food realizzato nelle Marche - spiega Gordana Gnesutta, direttore di Marchet -, è l'occasione per far conoscere ai buyer di tutta Europa i prodotti gastronomici di altissima qualità del nostro territorio". Il tessuto produttivo del distretto agroalimentare, sottolinea Gnesutta, "si compone principalmente di Pmi che operano in una dimensione di elevata specializzazione, concentrate, negli ultimi anni, in produzioni che rispondono alle richieste dei consumatori. Si sono fatti investimenti in tecnologia, packaging, biologico, gluten free, certificazioni tra cui halal e kasher. I produttori marchigiani di qualità hanno l'occasione per presentarsi ai mercati europei più attenti al Made in Italy". Gaetano Fausto Esposito, segretario generale di Assocamerestero, sottolinea come "l'export continua a giocare un ruolo fondamentale per le aziende italiane del food and wine che, insieme ad una lenta ripresa dei consumi interni, potrebbe confermare in crescita le performance del settore anche nel 2018".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie