/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Liceo occupato, sit-in studenti che vogliono rientrare

Liceo occupato, sit-in studenti che vogliono rientrare

Protesta all'Einstein

TORINO, 02 febbraio 2023, 15:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Vogliamo entrare. Questa è la nostra scuola". E' quello che chiedono ai loro coetanei gli studenti del liceo Albert Einstein della succursale di via Bologna, a Torino, che protestano contro l'occupazione dell'istituto. Questa mattina si sono dati appuntamento in oltre un centinaio per un sit-in via Pacini, fuori dal sede centrale del liceo. Per alcuni minuti sono rimasti in silenzio, spiegando che questa era "l'unica risposta alla violenza a cui abbiamo assistito in questi giorni".
    "Siamo più di quelli che stanno occupando la nostra scuola.
    Loro sono una minoranza", dicono.
    L'occupazione del liceo torinese sta facendo discutere in modo particolare anche perché ci sarebbe dietro, come affermano non solo gli investigatori ma anche gli stessi giovani, la regia del centro sociale Askatasuna "che con noi studenti non ha niente a che fare. Eppure sono dentro l'edificio e noi non possiamo seguire le lezioni", affermano Martina e Paolo, rappresentanti degli studenti. Sulle motivazioni della protesta "ognuno è libero di condividere o no. Non pensiamo che siano sbagliate, ma non sono stati interpellati gli studenti. Questo crea una sorta di divisione". Oggi si svolgerà un'assemblea plenaria con tutti i rappresentanti di classe per trovare un accordo.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza