Vaccini: '50 euro a dose', Piemonte indaga su nuovi furbetti

Offerta a aziende da società torinese. Rinaudo, diversi illeciti

(ANSA) - TORINO, 06 MAG - I furbetti del vaccino anti-Covid stanno cambiando pelle: per la prima volta oggi si è palesata in Piemonte l'offerta di una società torinese che propone alle aziende prive di medico interno di vaccinare i dipendenti a 50 euro a dose, 'oltre Iva se dovuta'. Una offerta nella quale la Regione Piemonte ravvisa "più aspetti di illiceità", ipotizzando anche una segnalazione alla Procura della Repubblica.
    "Dal momento in cui verrà comunicata la data della vaccinazione - si legge nella lettera, inviata oggi ad una azienda, e di cui ANSA ha preso visione - non sarà possibile effettuare cambiamenti o spostamenti; i vaccini sono nominativi e se il paziente non si presenta dovranno essere gettati, nel caso di mancato appuntamento il costo della vaccinazione verrà comunque addebitato".
    "La campagna vaccinale delle aziende non è ancora fattibile - sottolinea Antonio Rinaudo, ex magistrato e attuale commissario per la campagna vaccinale del Piemonte - Questi signori non possono proporsi per fare una cosa inattuabile. E' una situazione con grandi aspetti di opacità, bisogna dire a tutti di fare attenzione e segnalare subito casi di genere. Nel momento in cui la vaccinazione toccherà alla categoria dei lavoratori nelle aziende, proporremo noi alle aziende di vaccinarsi in autonomia. Se non hanno un medico costerà il prezzo con le strutture convenzionate: 6 euro". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie