Piemonte

Tav: 15 anni fa Venaus, No Tav "quel treno si può fermare"

Presidio in Valle di Susa, nell'area di un futuro cantiere

(ANSA) - TORINO, 08 DIC - Presidio No Tav oggi a San Didero (Torino), in valle di Susa, per celebrare i 15 anni della protesta di Venaus, sfociata in scontri con le forze dell'ordine, dopo di che il progetto della nuova ferrovia Torino-Lione venne radicalmente cambiato. "Fermarlo (il 'supertreno Tav, ndr) è possibile", resta la convinzione del movimento No Tav, attivo ormai da oltre 30 anni,. Oggi è una data simbolica per i No Tav, che si sono ritrovati per un "8 dicembre di lotta e di futuro" a San Didero per un presidio con polentata finale. Il luogo non è stato scelto a caso, come spiegano gli attivisti: "A San Didero vogliono aprire un cantiere per lo spostamento dell'autoporto di Susa, dove vorrebbero costruire una faraonica stazione internazionale che pochi in realtà useranno veramente". Per questo i No Tav annunciano "non resteremo a guardare".
    Un'altra parola d'ordine di oggi riguarda tra i No Tav riguarda la la pandemia. Durante l'assemblea al presidio, infatti, oltre ad evidenziare le ultime misure cautelari che hanno colpito anche esponenti di spicco del movimento, è stato ripetuto che "il denaro sprecato per il Tav servirebbe di più a rafforzare una sanità pubblica". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie